Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 14° 
Domani 12°14° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 15 dicembre 2019

Attualità lunedì 15 agosto 2016 ore 14:05

Quei rami spezzati che cancellano i sentieri

Quasi impossibile percorrere i sentieri che in alcuni tratti della foresta di Vallombrosa sono preda di degrado e sottobosco cresciuto senza controllo



REGGELLO — Si fa presto a dire due passi nel bosco, anche a ferragosto. Quei due passi rischiano di trasformarsi in una gimcana in mezzo a quella che che a momenti somiglia a una giungla. Tutta colpa dei rami spezzati, dei rovi e delle foglie che intralciano i sentieri noti, gli stessi tante volte percorsi per fare una passeggiata nel silenzio della secolare foresta toscana. Per non parlare dell'inciviltà di chi lascia nel bosco lattine, bicchieri e bottiglie.

Accade in alcuni punti della foresta di Vallombrosa, poche centinaia di metri più in basso rispetto al Saltino, dove tra la fine dell'Ottocento e i primi del Novecento facevano tappa i turisti del Grand Tour.

Di quelle vestigia, però, ora non resta più molto. Almeno lungo il sentiero che collega Pian di Melosa a Raggioli scavalcando una piccola vallata, oppure nel reticolo di passaggi che tra gli alberi si snoda verso l'abbazia di Vallombrosa. La segnalazione è di un lettore ma l'impressione è condivisa dai tanti che, in cerca di refrigerio nelle calde giornate agostane, cercano il riparo degli abeti.

Colpa di chi? O di cosa? Sta di fatto che, talvolta, un bosco non pulito può anche comportare dei rischi, a partire da quello degli incendi, in un periodo dell'anno in cui il problema è praticamente all'ordine del giorno. 



Tag

Sardine a Roma: la vista dall'alto di piazza San Giovanni

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca