Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 23°37° 
Domani 23°34° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 23 luglio 2019

Attualità mercoledì 06 maggio 2015 ore 16:01

Il futuro dell'Europa si decide a Firenze

Servizio di Tommaso Tafi

E' iniziata la 4 giorni di State of the Union con Prodi e Napolitano. Il professore: "Se De Gasperi vedesse questa Europa direbbe 'mamma mia'"



FIESOLE — In attesa della giornata clou di venerdì 8 maggio quando a Palazzo Vecchio arriveranno Matteo Renzi, Alexis Tsipras e Federica Mogherini, a villa Salviati a Fiesole si è cominciato a parlare dello stato di salute dell'Unione Europea.

In cattedra Romano Prodi, ex presidente del Consiglio e della Commissione europea, e il presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Al centro del dibattito tra i due l'eredità di Alcide De Gasperi, figura fondamentale che il 9 maggio del 1950 fondò di fatto insieme a Shumann l'Europa unita. Europa che De Gasperi avrebbe voluto politica prima che economica. Da qui la risposta secca di Prodi alla domanda: "Che direbbe De Gasperi di questa Europa?". Secondo il Professore "direbbe - ha detto Prodi - 'mamma mia'".

Non è del tutto d'accordo invece Napolitano. "Ha avuto una visione talmente lungimirante - ha detto riferendosi a De Gasperi il presidente emerito della repubblica - che vale per l'oggi come valeva per gli anni '50".

Al centro della discussione tra i due, il tema del lavoro. "Oggi - ha detto Napolitano - non si può pensare al rilancio dell'occupazione, soprattutto a quella dei giovani, senza tener conto delle pesanti trasformazioni che ci sono state nell'offerta di lavoro".

Ed è da qui che bisogna ripartire anche secondo Prodi che ha sottolineato come l'Europa debba uscire dall'impasse burocratico politica in cui si trova. Oltre a fare un esame di coscienza sul suo passato recente. 

L'ultima stoccata il professore l'ha riservata alla Grecia. ""La Grecia - ha detto Prodi - ha imbrogliato i conti perchè Germania, Francia e Italia glielo hanno lasciato fare. E quando ho cercato di fermarli perchè 'splafonavano' il 3% mi hanno fatto tacere".

I dibattiti sul futuro dell'Europa proseguiranno nei prossimi giorni, prima alla Badia Fiesolana e venerdì a Palazzo Vecchio, dove sfileranno i big d'Italia e dell'Unione.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca