Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 12° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 12 dicembre 2017

​Strage di procioni cinesi per fare le pellicce

I carabinieri forestali hanno sequestrato 5.500 capi tra cappelli e guanti importati in violazione della norma che tutela gli animali dalle torture

SESTO FIORENTINO — La norma violata che ha fatto scattare il sequestro dell'enorme quantitativo di merce è quella che vieta l'importazione di pelli di animali da Paesi che non assicurino l'assenza di torture per la loro cattura, per l'allevamento e per l'abbattimento. Gli animali in questione sono, per l'appunto, il procione, il coyote e la lince. 

I capi sequestrati in una ditta di Sesto dai carabinieri forestali erano proprio in pelle di procione. Si tratta di cappelli, sciarpe e guanti, per un totale di 5.500 che una volta immessi sul mercato avrebbero fruttato circa 200mila euro. Tutta merce importata illegalmente dalla Cina, paese in cui non esistono allevamenti autorizzati, cosa che ha fatto scattare il sequestro. 

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Lavoro

Cronaca