FIRENZE
Oggi 20°30° 
Domani 21°32° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 28 luglio 2016

Attualità sabato 30 gennaio 2016 ore 18:08

Hack Toscana, 24 ore per il futuro dei trasporti

Si concluderà domani la maratona virtuale nella quale 200 ragazzi, studenti e non di tutta Italia proporranno progetti e idee per rivoluzionare il tpl

AREZZO — 24 ore no stop che metteranno alla prova non tanto la resistenza fisica dei partecipanti ma le loro idee, i progetti e la voglia di mettersi in gioco per creare qualcosa di innovativo ed utile così da rivoluzionare e migliorare il sistema del trasporto pubblico toscano.

Si tratta di Hack Toscana Mobilità che nasce grazie alla collaborazione tra Regione Toscana, Trenitalia, l'Università di Siena la Fondazione Sistema Toscana e gestito dall'azienda specializzata Travel Appel.

I partecipanti, oltre 200 ragazzi e studenti provenienti da tutta Italia si sono dati appuntamento a Firenze , alla stazione di Santa Maria Novella dove hanno potuto avere un primo incontro con gli assessori regionali Vincenzo Ceccarelli e Vittorio Bugli. Da qui i ragazzi sono montati sul treno diretto al Campus Del Pionta dell'università di Siena.

Una volta arrivati i ragazzi sono stati divisi in gruppi di lavoro e, una volta sistemate strumentazioni e pc si è dato il via alla vera e propria maratona. 24 ore per elaborare, definire e presentare un progetto migliorativo del servizio di trasporto pubblico, con tre temi principali definiti dalla regione: uso sistematico quotidiano dei trasporti, uso dei mezzi pubblici per spostarsi nel tempo libero e uso dei mezzi pubblici per il turismo slow e sostenibile.

Domenica mattina i ragazzi utilizzeranno di nuovo il treno per tornare a Firenze e nella sala reale della stazione presenteranno i loro risultati a tre diverse giurie, una per tema che valuteranno le proposte e indicheranno i vincitori e le eventuali menzioni speciali. Ciascun team vincitore riceverà un premio di cinquemila euro spendibile per l'acquisto di materiale informatico. 

"Abbiamo deciso di organizzare un Hackthon dedicato ai trasporti pubblici - ha detto Vincenzo Ceccarelli, assessore regionale ai trasporti - per dare spazio alle nuove idee, creare nuove soluzioni che ci aiutino a costruire un trasporto pubblico più moderno e sostenibile. Molte cose stanno cambiando nel mondo dei trasporti e della mobilità in Toscana - ha aggiunto - sia sul fronte del trasporto su ferro che in quello del trasporto su gomma. Quella che stiamo vivendo è una fase di forte innovazione e la Regione sta facendo consistenti investimenti per garantire il diritto alla mobilità dei cittadini. Per questo chiediamo a chi ha idee e competenze di contribuire a questo cambiamento".

"Da questi ragazzi - ha commentato Vittorio Bugli, assessore regionale all'innovazione - ci aspettiamo un punto di vista nuovo, inusuale, innovativo ma anche concreto. Vogliamo che pensino da utenti ma anche da costruttori di servizio pubblico, anche tenendo conto del fatto che le idee da loro proposte saranno vagliate da importanti aziende che operano nel settore dei trasporti e che potranno diventare parte di un business. Hack Toscana Mobilità mette insieme innovazione, start up e servizi al cittadino. La regione Toscana non è nuova all'organizzazione di hackthon dato che già nell'ambito dell'internet festival 2014 se ne è svolto uno finalizzato al miglioramento della piattaforma Open Toscana. La competenza dimostrata in quell'occasione mi ha stupito e credo la Regione debba instaurare con loro un rapporto continuo e un confronto critico, perchè le migliori idee arrivano sempre dall'apertura e dalla condivisione". 

VITTORIO BUGLI SU HACK TOSCANA MONILITA' - dichiarazione
VINCENZO CECCARELLI SU HACK TOSCANA MOBILITA' - dichiarazione
Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità