Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°20° 
Domani 14°21° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 20 ottobre 2019

Attualità sabato 11 giugno 2016 ore 10:03

Bpel, bocciato il ricorso di Rosi

Gli avvocati dell'ex presidente della banca aretina avevano sollevato la questione di incostituzionalità del decreto. Ma i giudici hanno detto no



AREZZO — Respinto il ricorso di Lorenzo Rosi, ex presidente della Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio. Rosi aveva presentato ricorso contro la prima sentenza del tribunale di Arezzo, quella inerente la liquidazione coatta della banca.

I suoi avvocati avevano sollevato la questione dell’incostituzionalità del decreto e avevano chiesto una consulenza tecnica per analizzare la situazione contabile della vecchia banca in data 22 novembre 2015 (giorno in cui è stato applicato il salva-banche).

Ma il ricorso è stato bocciato. I giudici hanno infatti sottolineato che: “l’insolvenza appare tanto pacifica da rendere pressoché irrilevanti tutti i motivi di doglianza esposti da Rosi. All’atto della risoluzione, la banca era ridotta a una scatola societaria vuota di attivo e e piena soltanto di passività. La fotografia contabile del momento era assolutamente eloquente: attivo zero, passivo 22 milioni (debiti subordinati non assimilabili a fondi propri) più 283 milioni (debito verso il Fondo di Risoluzione)”.



Lele Mora alla Leopolda: «Io sempre mussoliniano, sono qui per salutare l'amico Renzi che mi ha invitato»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità