Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 19°23° 
Domani 19°27° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 22 agosto 2019

Attualità mercoledì 11 giugno 2014 ore 10:42

Arrestato il comandante della Guardia di Finanza di Livorno

foto Il Tirreno

Fabio Massimo Mendella è accusato di aver incassato a Napoli oltre 1 milione di euro per pilotare i controlli fiscali. Indagato il generale Vito Bardi



NAPOLI — I reati contestati a Mendella (concorso in concussione per induzione e rivelazione del segreto d'ufficio) risalgono al periodo compreso fra il 2006 e il 2012, quando il colonnello Mendella era il responsabile del settore verifiche del Comando provinciale delle Fiamme Gialle di Napoli.  Secondo gli inquirenti, in quella veste Mendella, utilizzando come tramite un commercialista napoletano, Pietro de Riu, anche lui agli arresti, avrebbe incassato  oltre un milione di euro per evitare verifiche e accertamenti fiscali ad alcuni imprenditori napoletani. Il generale Vito Bardi, comandante in seconda della Guardia di Finanza, è invece indagato per corruzione. Nella tarda mattinata di oggi nella sede del comando generale delle Fiamme Gialle a Roma è stata effettuata una perquisizione.

Chiave di volta dell'inchiesta una vicenda che risale al 2012 e in cui sarebbe coinvolto anche il generale della Finanza Emilio Spaziante, ora in pensione e arrestato qualche giorno fa nell'ambito dell'inchiesta sul Mose di Venezia

Nel 2012 infatti Mendella concluse il suo incarico a Napoli e fu trasferito a Roma e, in quell'occasione, suggerì ad una delle società su cui stava effettuando  un controllo pilotato, la Gotha spa degli imprenditori Giovanni e Francesco Pizzicato, di spostare nella capitale la sede legale. Cosa che avvenne puntualmente. 

Due giorni dopo il trasferimento della società, Mendella propose ai suoi superiori una nuova verifica fiscale a carico della Gotha che però necessitava di un'autorizzazione speciale in deroga alle sue normali competenze. Il via libera arrivò 24 ore dopo e proprio la tempistica dell'operazione è una delle conferme dell'ipotesi accusatoria, oltretutto con il presunto coinvolgimento di due alti ufficiali delle Fiamme Gialle. Come spiegato dall'imprenditore Giovanni Pizzicato nella sua denuncia,  sarebbe stato il commercialista De Riu a fare riferimento all'intervento di ''due generali'', uno dei quali sarebbe stato Spaziante. Per il coinvolgimento dei generali De Riu chiese a Pizzicato 150.000  euro.

L'ordine di carcerazione è stato eseguito dalla Digos di Napoli. All'inchiesta stanno collaborando la Direzione centrale di Polizia criminale, il Comando Provinciale e il nucleo di Polizia tributaria di Roma.

Mendella è arrivato a Livorno nel luglio 2013. Sconcertati i colleghi che, nel corso dei mesi, avevano apprezzato il suo lavoro. 

''Ci dispiace e siamo amareggiati - è stato il commento del - e vogliamo reagire perchè andare avanti per noi è un dovere istituzionale. Generalizzazioni e ombre sulla condotta della Guardia di Finanza a Livorno non ce nedevono essere''. il generale Vicanolo oggi ha visitato il comando di Livorno e poi si è recato in prefettura e in procura per garantire continuità nell'attività delle fiamme gialle livornesi.

Dall'inizio della crisi le frodi fiscali sono notevolmente aumentate in tutta Italia.

Guarda qui sotto il servizio Toscanamedia sul bilancio dell'attività svolta nel 2013 dalle Fiamme Gialle in Toscana

Servizio sull'aumento delle frodi fiscali in Toscana - 21 febbraio 2014


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità