FIRENZE
Oggi 21°31° 
Domani 21°32° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 01 luglio 2016

Cronaca lunedì 07 dicembre 2015 ore 10:17

Incidente al rally, muore un pilota

Davide Tulipani di Castelnuovo Magra, La Spezia, stava partecipando alla gara nelle strade del Chianti quando è andato a sbattere contro un albero

BARBERINO VAL D'ELSA — Davide Tulipani di 44 anni, stava partecipando al rally della Fettunta, con il suo navigatore su una Peugeot 106 quando, per cause ancora da chiarire la macchina è finita contro un albero in un tratto di strada asfaltata a Vico d'Elsa, nel comune di Barberino. 

Il suo navigatore, Luciano Scozzi, di 49 anni, è stato trasportato all'ospedale Careggi di Firenze con l'elisoccorso Pegaso. Ha riportato un politrauma ed è ricoverato in prognosi riservata. 

La gara, alla trentasettesima edizione, è stata immediatamente sospesa.

Sul posto sono intervenuti, allertati dalla direzione di gara, gli equipaggi sanitari presenti alla prova speciale, con due medici. Allertato anche il 118 per l'elisoccorso. 

Sono intervenuti anche i vigili del fuoco per estrarre, insieme al team di tecnici della gara, il pilota rimastro incastrato nell'abitacolo della Peugeot. Purtroppo per il pilota non c'è stato niente da fare, è morto poco dopo i soccorsi.

Ad assistere al rally c'era anche la moglie.

Il cordoglio -  Il cordoglio alla famiglia e agli sportivi per la morte del pilota Davide Tulipani di Castelnuovo Magra è stato espresso, a nome della Regione Liguria, dall'assessore allo Sport Ilaria Cavo. 

Cordoglio espresso anche dalle amministrazioni comunali di Barberino Val d'Elsa e Tavernelle Val d'Elsa: "A seguito dell'incidente mortale che si è verificato lungo il percorso di gara del Rally della Fettunta, nel territorio comunale di Barberino Val d'Elsa, nei pressi di Vico d'Elsa - si legge nel comunicato stampa congiunto dei due Comuni - le amministrazioni comunali di Barberino Val d'Elsa e Tavarnelle Val d'Elsa esprimono dolore e vicinanza ai familiari e agli amici del pilota tragicamente scomparso. Tutti gli eventi previsti nel programma della manifestazione sono stati annullati - prosegue il comunicato -  Nella giornata di lunedì 7 dicembre, in segno di cordoglio, le bandiere delle amministrazioni comunali saranno listate a lutto". 

L'auto è stata posta sotto sequestro dalla Magistratura.

"Tutti i dispositivi di soccorso sono stati immediatamente attivati. Dinamica e cause dell'incidente sono da accertare - ha spiegato in una nota il direttore di gara, Riccardo Heusch - Due ambulanze, entrambe con medico, presenti sulla prova speciale a breve distanza dal punto dell'incidente, sono state immediatamente attivate e subito è stata esposta la bandiera rossa, che segnala gara interrotta ai concorrenti già dentro la prova speciale. Dalla direzione, il medico di gara, avuta conferma dagli altri due medici della gravità dell'incidente, ha allertato il 118 che ha inviato un elicottero Pegaso. Poiché i due conduttori risultavano incastrati nella vettura è andato di supporto il team di decarcerazione presente sulla prova speciale, che è partito contemporaneamente all'ambulanza posizionata alla postazione di partenza". 

"La direzione ha fatto intervenire anche i vigili del fuoco - prosegue Heusch - L'incidente di gara è avvenuto sulla prova speciale numero 3 del rally denominata Poneta, tra le 12.20, minuto di partenza della vettura numero 82, e le 12.24, quando l'ufficiale di gara della postazione più vicina ha avvisato la direzione di gara. Subito è stato attivato il sistema di soccorso".

"È la prima volta - è stato ricordato dall'organizzazione della competizione - che si verifica un incidente mortale in questa gara".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità