Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°24° 
Domani 16°25° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 15 giugno 2019

Politica giovedì 26 novembre 2015 ore 18:27

Biffoni lancia l'allarme sulla fusione dei Comuni

Il presidente di Anci Toscana ha scritto al governo: "Siamo molto preoccupati per i tagli alle agevolazioni per le fusioni nella legge di stabilità"



FIRENZE — il presidente di Anci Toscana Matteo Biffoni ha scritto al Governo a nome di tanti sindaci toscan chiedendo di “valutare la possibilità di introdurre correttivi al ddl Stabilità per mantenere invariate le agevolazioni finora previste per i Comuni nati da fusione, considerati strumento di innovazione amministrativa del nostro Paese”.

Nella lettera inviata a Claudio De Vincenti, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, a Pierpaolo Baretta, Sottosegretario all’Economia e a Gianpiero Bocci, sottosegretario all’Interno, Biffoni precisa che i capitoli più critici sono quelli relativi a “rimborso TASI”, “pareggio di bilancio” e “spese del personale”

“Andare ad incidere con misure restrittive sul processo virtuoso già in atto - ha sottolineato Biffoni - significherebbe interrompere drasticamente un modello di sviluppo tecnico-istituzionale che sta sempre più affermandosi, con benefici in primis per i cittadini”.

Esenzione per abitazione principale, i macchinari imbullonati, i terreni agricoli - E’ previsto che il mancato gettito dell’esenzione TASI sia rimborsato in termini di gettito effettivo relativo all’anno 2015. I comuni suddetti per il 2014 e 2015 non hanno applicato la TASI, deliberando l’aliquota a zero, utilizzando in mancanza della stessa, per il pareggio del bilancio, i contributi statali e regionali riconosciuti per la fusione. L'introduzione della TASI, anche per l’abitazione principale è stata prevista molto spesso dal 2016, nel Bilancio Pluriennale 2015/2017 approvato in corso d’anno. Se le norme non prevederanno forme di compensazione anche per i Comuni che non hanno applicato la TASI, o l’hanno applicata in misura ridotta, saranno nuovamente penalizzati i Comuni virtuosi. Per questi enti saranno cancellati spazi finanziari che non potranno essere compensati in futuro da forme di entrata alternativa, con pesanti ripercussioni sui servizi resi. E’ opportuno che le norme che disciplineranno i 2 rimborsi ai Comuni tengano conto di tali situazioni e, pertanto, vengano individuate modalità di determinazione del quantum da riconoscere in compensazione diverse da quelle previste attualmente nel ddl Stabilità 2016. L’entità della compensazione potrebbe essere determinata facendo riferimento alla capacità virtuale di tassazione che la norma in discussione va a cancellare.

Regole di finanza pubblica per gli enti territoriali - L’eliminazione del Patto di Stabilità per tutti i Comuni e l’introduzione, seppur migliorativa rispetto alla L.243/2012, del pareggio di bilancio (come disciplinato dai commi 3 e 4) risulta estremamente penalizzante per l’Ente nato da fusione in termini di investimenti già programmati e finanziati con indebitamento o avanzo di amministrazione.

Giovani eccellenze nella pubblica amministrazione - Il Comune nato da fusione, essendo escluso per legge dall’applicazione del Patto di Stabilità, aveva di conseguenza un regime agevolato per quanto attiene le spese del personale, ossia il rispetto del comma 562 anziché del comma 557 dell’art. 1 L.296/2006. Inoltre il Comune nato da fusione aveva la possibilità di ricoprire il turn-over con il 100% delle cessazioni. Il comma 9 del presente articolo porta tale percentuale al 25%.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca