Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 13°24° 
Domani 15°25° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 16 giugno 2019

Economia sabato 30 agosto 2014 ore 12:58

Brusca frenata delle esportazioni toscane

Nel 2013 l'export ha fatto registrare un -3,6% e un -4,2% nel primo trimestre del 2014. Male prodotti industriali ed elettronica, reggono moda e oro



TOSCANA — Dopo aver a lungo sostenuto l'economia della regione, anche l'export comincia a dare i primi segni di indebolimento. Segnali in verità piuttosto evidenti. Nel 2013 la Toscana è stata la quarte regione maggiormente esportatrice d'Italia con 20.266 unità portate oltre confine, ma con una riduzione del 2,6% rispetto all'anno precedente.

Il volume d'affari si è stabilizzato attorno ai 31,2 miliardi di euro, l'8% circa del totale del valore delle esportazioni italiane. Si tratta di dati contenuti nello studio 'L'Italia nell'Economia internazionale 2013-2014', il ventottesimo Rapporto annuale sul commercio estero dell'Ice. Scende pure l'export di coke e prodotti petroliferi raffinati (-13,7%), apparecchi elettrici (-3,6%), autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (-14,5%) e mobili (-1,2%). Nel comparto moda, mentre i prodotti tessili hanno continuato a ridursi (-2,4%), articoli di abbigliamento e articoli in pelle hanno contribuito positivamente alla dinamica delle esportazioni grazie ad un aumento delle vendite all'estero rispettivamente dell'8% e del 9%. Bene anche la meccanica (+6,9%), e prodotti alimentari, bevande e tabacco (+9,9%). In calo anche le importazioni (-3,3%), mentre segnali positivi arrivano invece nel primo trimestre dalla moda (abbigliamento +7,9% e pelle +5,5%), e dal tessile (+9,7%) oltre che dall'oreficeria (+19,9% cioè 2,2 miliardi di euro).



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca