Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°30° 
Domani 21°31° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 25 giugno 2019

Attualità giovedì 20 marzo 2014 ore 12:03

Procura apre fascicolo sulla casa affittata da Carrai per Renzi

L'inchiesta dopo un esposto sulla casa abitata da Renzi e pagata dall'imprenditore. I partiti dicono no alle richieste di chiarimento del M5S



FIRENZE — Il capogruppo del Movimento 5 Stelle al Senato Vincenzo Maurizio Santangelo aveva chiesto agli altri capigruppo e in aula l'immediata calendarizzazione di un question time in cui il presidente del Consiglio Matteo Renzi avrebbe dovuto spiegare i suoi rapporti con Marco Carrai e a quale titolo ha preso la residenza per quasi tre anni (dal 14 marzo 2011 al 22 gennaio 2014) in un appartamento vicino a Palazzo Vecchio pagato dall'imprenditore.
''Ma tutti i partiti hanno detto no - ha spiegato Santangelo - Per Pd, Forza Italia e compagnia la trasparenza puo' attendere, sono senza vergogna''. Il Movimento 5 Stelle aveva proposto anche la calendarizzazione di tutte le mozioni per rimuovere dal governo Renzi ministri e sottosegretari indagati ma anche in questo caso le altre forze politiche hanno detto no.
A pubblicare la notizia dell'apertura di un fascicolo in Procura sulla vicenda dell'appartamento è stato il Corriere della Sera, precisando che i magistrati vogliono fare chiarezza sui rapporti fra l'ex sindaco di Firenze e Carrai, amico di vecchia data del premier, ex presidente di Firenze Parcheggi, presidente di Adf, la società che gestisce l'aeroporto di Peretola, e socio di C&T Crossmedia, la società che gestisce il servizio di noleggio di tablet da utilizzare per le visite guidate a Palazzo Vecchio.
A dare il via all'inchiesta della Procura (per ora senza reato nè indagati) sarebbe stato un esposto presentato da un usciere del Comune peraltro già querelato da Renzi per diffamazione dopo che l'uomo lo aveva accusato di sprechi durante il mandato da presidente della Provincia di Firenze.
Nei giorni scorsi  le forze di opposizione in consiglio comunale avevano polemizzato anche sul fatto che uno dei curatori della mostra a Palazzo Vecchio su Pollock e Michelangelo è Francesca Campana Comparini, fidanzata di Carrai (si sposeranno a settembre).
Su quest'ultima vicenda Marco Carrai ha diffuso la seguente nota: ''Nella seduta odierna del consiglio comunale il consigliere Tommaso Grassi, lasciando intendere cose di cui risponderà davanti al tribunale, ha asserito che io sono un plurinominato da parte dell'amministrazione comunale di Firenze. Siccome questa sciocchezza sta da giorni campeggiando sulla cronaca di un quotidiano, voglio ricordare che il sottoscritto attualmente ricopre un unico incarico di nomina diretta da parte del Comune di Firenze, quello di consigliere di amministrazione del Gabinetto Scientifico Vieusseux. Carica per la quale non ricevo alcun compenso e in relazione alla quale ho da tempo presentato le mie dimissioni il 22 luglio 2013''.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca