Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°16° 
Domani 13°22° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 21 settembre 2019

Cronaca sabato 23 febbraio 2019 ore 11:28

Scacco matto alla banda delle spaccate - VIDEO

I carabinieri sono riusciti a risalire agli autori di almeno sei colpi compiuti ai danni di bar tabacchi a Cerreto Guidi, Larciano e Serravalle



EMPOLI — Ieri pomeriggio i carabinieri di Empoli hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal gip del Tribunale di Pistoia (dott. Alberto Lippini) nei confronti di due cittadini romeni di 21 e 24 anni, gravati da precedenti penali, ritenuti responsabili di furti aggravati con metodo detto della "spaccata” ai danni di ben sei bar tabacchi situati nel territorio di Cerreto Guidi e nella provincia di Pistoia, commessi tra ottobre e novembre del 2018.

L’operazione ha avuto avvio nel mese di novembre 2018, quando un carabiniere della Compagnia di Empoli aveva notato, all’interno di un bar i due giovani, che sembravano essere entrati esclusivamente per effettuare un sopralluogo. Posti sotto controllo e pedinamento finalizzati a monitorare i loro movimenti, il 28 novembre uno dei due fu arrestato la notte del 23 novembre 2018, subito dopo avere sfondato la vetrata e svaligiato la tabaccheria “La Fenice” di Lamporecchio in compagnia di un complice 28enne.

Le successive attività investigative hanno consentito di scoprire, inoltre, che tutti e tre si erano resi responsabili di alti cinque furti, sempre perpetrati con “spaccata”, a Cerreto Guidi, Larciano e Serravalle Pistoiese. In questi furti, ricostruiti attraverso le immagini dei sistemi di videosorveglianza, un uomo svolgeva la mansione di palo mentre gli altri due sfondavano le vetrate con un masso di cemento, per poi puntare dritti a Gratta e vinci, soldi e sigarette. 

Alcuni degli indumenti indossati dai malviventi in quelle circostanze sono stati rinvenuti durante le perquisizioni domiciliari. In considerazione di questi e di altri elementi di prova acquisiti, e in accordo con la richiesta del pm, il giudice ha disposto per il 21enne la custodia cautelare in carcere, notificatagli alla casa circondariale di Prato dove risulta già detenuto per altra causa, gli arresti domiciliari per il complice 24enne.




Tag

«Rilanciamo il turismo con le donne in vetrina», la proposta del consigliere regionale leghista toscano che indigna

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità