Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16° 
Domani 20° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 22 ottobre 2018

Cronaca mercoledì 08 novembre 2017 ore 13:48

Sul tir in consegna un quintale e mezzo di droga

Un'operazione della polizia, con appostamenti e pedinamenti, ha portato all'arresto di due persone e al sequestro di 154 chili di droga



EMPOLI — A far scattare l'operazione dei poliziotti della sezione antidroga della squadra mobile di Firenze, è stato il fare sospetto di un un'uomo, un 47enne di origine marocchina, già noto alle forze dell'ordine per reati legati allo spaccio. Lunedì sera, infatti, l'uomo è stato visto aggirarsi nella zona industriale tra Empoli e Montelupo Fiorentino, in auto assieme alla moglie, come se stesse facendo un sopralluogo.

Mentre l'uomo tornava a casa, i poliziotti si sono appostati sotto l’abitazione empolese del 47enne, quasi certi che stesse per avvenire qualcosa. Come difatti, dopo qualche ora, lo stesso è stato visto scendere e raggiungere, sempre con l’auto, l’area della zona industriale, seguendo un percorso stradale differente da quello fatto poche ora prima. Giunto nel piazzale, l’auto si è affiancata ad un autotreno dal quale è sceso un uomo, poi risultato un 41enne rumeno, che dopo aver preso in consegna un involucro di colore nero dal cittadino marocchino ha consegnato quattro grossi pacchi, presi da un vano porta attrezzi del camion. Subito dopo aver caricato i pacchi nell’auto, i due sono stati bloccati dagli agenti.

Nei quattro pacchi, a seguito delle analisi effettuate dalla polizia scientifica, sono stati trovati 131 chilogrammi di hashish, pronti a rifornire, probabilmente, il mercato fiorentino ed empolese. L’involucro ricevuto dal cittadino rumeno, invece, conteneva la somma di 5mila euro.

L’ulteriore attività investigativa sviluppata dagli agenti della mobile ha consentito di trovare, sotto il sedile di un autocarro, intestato sempre al cittadino marocchino e parcheggiato in via di Ponzano, ulteriori 23 chili della medesima sostanza.

I due, arrestati in flagranza di reato, sono stati condotti nel carcere di Sollicciano, a disposizione dell’Autorità giudiziaria, con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente in concorso.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca