Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 22°36° 
Domani 23°34° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 23 luglio 2019

Attualità giovedì 08 maggio 2014 ore 16:46

Fano-Grosseto, accordo sulla società di progetto

Il ministro Lupi ha firmato l'intesa con l'Anas e le Regioni Toscana, Umbria e Marche per costituire Centralia, la società che completerà la E78



ROMA — L'investimento previsto per realizzare la Fano-Grosseto è di tre miliardi di euro.
''Voglio ringraziare in particolare il viceministro Riccardo Nencini e i rappresentanti delle Regioni e dell'Anas per il grande lavoro che hanno svolto - ha dichiarato il ministro alle infrastrutture Maurizio Lupi - Il governo ha avuto grande attenzione per questo importantissimo asse stradale dell'Italia centrale. Avevamo dato un cronoprogramma certo e la firma di oggi dimostra che con l'impegno e la volontà è possibile superare le difficoltà e raggiungere risultati concreti''.
''La bretella collegherà il Tirreno con l'Adriatico e semplificherà gli spostamenti dei cittadini facilitando il trasporto merci - ha spiegato il viceministro Riccardo Nencini - Ora si apre la fase di progettazione, entro il 2015 ci sarà il bando di gara e l'opera verrà realizzata in pochi anni''.
La società Centralia nascerà entro giugno e sarà partecipata da Anas (con il 55%) e dalle Regioni Toscana, Umbria, Marche per  il 45%.
''Di questa opera - ha evidenziato il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi - si parla dagli anni '60 ed oggi finalmente si è fatto un serio passo avanti: collegare Grosseto con Fano rappresenterà infatti una vera rivoluzione per tutto il sistema produttivo, agricolo e turistico. Oltre a velocizzare le relazioni, si mettono in rete i porti, un sistema economico con caratteristiche simili, fatto di piccole imprese, artigianato e turism''.
Il governatore ha ricordato anche che la Grosseto-Fano costituisce anche il tratto di terra del sub-corridoio europeo destinato ad mettere in collegamento diretto la Spagna con i Balcani, attraverso i porti di Barcellona e Valencia, Livorno e Ancona e Ploce e Bar. Di questa rete transeuropea di trasporto denominata Ten-T il collegamento Fano-Firenze-Grosseto– Livorno è considerato come il "land bridge", il ponte di terra.
La Fano-Grosseto si svilupperà per circa 270 km: il tracciato inizia sulla via Aurelia all'altezza di Grosseto e si conclude sulla A14 in corrispondenza del casello di Fano nelle Marche. Il collegamento si sviluppa per il 61% in Toscana, per il 31% nelle Marche e per l'8% in Umbria. Attualmente su 270 km complessivi, 111 sono ultimati e in esercizio, 16 sono suddivisi in 2 lotti in corso di ultimazione, 12 in un unico maxi lotto in fase di realizzazione. Per altri 52 km, suddivisi in 9 lotti, è terminata la progettazione e sono stati trasmessi al CIPE i rendiconti per l'approvazione ed il relativo finanziamento; infine i restanti 79 km sono suddivisi in 6 lotti in fase di progettazione.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca