FIRENZE
Oggi 14°20° 
Domani 10°14° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 26 aprile 2017

Lavoro giovedì 15 dicembre 2016 ore 15:45

Centri per l'impiego, rischiano il posto in cento

Servizio di Elisabetta Matini

Ssciopero e presidio di protesta davanti alla sede della Prefettura dei lavoratori delle sedi di Firenze, Pistoia e Massa Cararra

FIRENZE — Circa cento addetti dei Centri per l'impiego toscani, più della metà in servizio a Firenze, una quarantina a Pistoia, i rimanenti a Massa Carrara, alla fine di dicembre rimarranno senza lavoro per la scadenza del loro contratto, ad oggi non ancora rinnovato.

Nella legge di stabilità varata in via d'urgenza dal Parlamento dopo la sconfitta referendaria del governo Renzi, prima che il premier formalizzasse le sue dimissioni, non è stata inserita la proroga dei contratti chiesta a gran voce dai sindacati.

"Quando la legge di stabilità è stata approvata  alla Camera non si è voluto affrontare il problema, rimandando al Senato la soluzione normativa delle proroghe, dopo il referendum - si legge in una nota della Cgil Firenze - Ma la soluzione non è stata trovata mentre l'esito del referendum ha lasciato la materia del lavoro in carico alle Regioni che, in assenza di una norma nazionale, dovranno trovare comunque una soluzione". 

Di qui la decisione delle Rsu della Città metropolitana e della Provincia di Pistoia di proclamare per oggi lo sciopero.

Una delegazione di lavoratori e sindacalista ha incontrato l'assessora regionale al laboro Cristina Grieco.

"La Toscana ha già predisposto il finanziamento, da fondi europei, per il prolungamento dell'attività lavorativa essenziale per la funzionalità dei centri – ha detto loro l'assessora - ma manca ancora il veicolo normativo utile per il rinnovo dei contratti. Alla conferenza Stato-Regioni è stato unanime l'appello dei presidenti perché il nuovo governo porti a rapida approvazione, dopo lo stop forzoso per la crisi, il decreto Mille proroghe che dovrà contenere anche la misura a favore di questi lavoratori, che vivono a volte da molti anni uno stato di precarietà".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca