Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°28° 
Domani 15°27° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 16 luglio 2019

Cultura mercoledì 10 febbraio 2016 ore 16:24

Conservatori mobilitati in difesa della musica

Servizio di Serena Margheri

I quattro istituti toscani di Firenze, Livorno, Lucca e Siena aderiscono alla giornata nazionale di protesta per chiedere più certezze al Governo



FIRENZE — Con questo spirito i quattro Conservatori toscani di alta formazione musicale, il Boccherini di Lucca, il Cherubini di Firenze, il Mascagni di Livorno, e il Franci di Siena, aderiscono alla giornata nazionale di mobilitazione in difesa della musica per denunciare l'immobilismo del Governo verso questi istituti. 

Presentata in Regione la giornata dedicata alla musica del 13 febbraio che si concretizzerà con concerti e spettacoli in ogni Istituto.

I Conservatori denunciano, attraverso questa giornata, la grande preoccupazione per la situazione del sistema dell'alta formazione musicale e chiedono al Ministero della pubblica Istrituzione entro il 2016 un nuovo sistema di reclutamento, l'ordinamento di tutti i corsi di studio, la statalizzazione degli istituti musicali, l'incremento delle risorse.

La Regione sostiene da tempo la richiesta di statalizzazione per superare la dipendenza da bilanci di enti locali sempre meno dotati di risorse e i rischi di chiusura. Una valutazione condivisa dalla vicepresidente e assessore alla cultura Monica Barni, che insieme ai rappresentanti dei quattro conservatori toscani ha illustrato nel corso di una conferenza stampa i contenuti delle richieste e della protesta organizzata unitariamente per il prossimo 13 febbraio. 

Sarà una giornata nazionale di mobilitazione "gentile", con iniziative e attività musicali in ogni istituto e su tutto il territorio per coinvolgere le cittadinanze su un problema che riguarda 2mila giovani artisti avviati a rappresentare l'Italia nel mondo attraverso la musica; proprio come la chitarrista Livia Bausi che ha suonato, aprendo l'incontro con la stampa, l'Introduzione e variazioni su l'aria ‘O cara armonia' di Fernando Sor dall'opera il Flauto magico di Mozart.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità