FIRENZE
Oggi 16°29° 
Domani 18°34° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 26 agosto 2016

Attualità domenica 13 marzo 2016 ore 15:22

Controlli sui treni, in migliaia senza biglietto

Negli ultimi cinque giorni la task force di Trenitalia ha effettuato oltre 25mila controlli sorprendendo quasi duemila viaggiatori abusivi

Oltre 25 mila controlli in cinque giorni, verifiche a terra e a bordo di 140 Regionali fra i più sensibili al fenomeno dell’evasione, 1972 persone non in regola allontanate prima della salita, 435 biglietti venduti sui treni, 284 verbali di accertamento emessi.

È il bilancio dell’ultima settimana della sistematica attività antievasione in Toscana, condotta da Trenitalia con il periodico supporto di un team nazionale di controllori.

Cinquanta agenti suddivisi in squadre hanno setacciato tutte le linee della Toscana, concentrando l’attività sui treni e nelle fasce orarie a maggior rischio di evasione. 

I pool costituiti da più persone acquistano infatti anche una funzione dissuasiva nei confronti di possibili reazioni aggressive. Ciò nonostante in oltre una decina di casi è stato chiesto l’intervento della Polizia Ferroviaria.

E se la percentuale media di irregolari riscontrata è stata circa del 10 per cento, i controlli dell’ultima settimana hanno confermato differenze significative fra le varie linee, già emerse nei mesi scorsi.

Tassi più alti, con punte anche superiori al 13%, si sono registrati sulla Pisa – Firenze, in particolare nelle stazioni di Pisa C.le, Pontedera e S.Romano, sulla Viareggio – Lucca – Firenze, con fenomeni molto rilevanti a Pescia, Pistoia e Prato Porta al Serraglio e sulla Empoli - Siena con picco nella stazione di Castelfiorentino.

Molto al di sotto della media, con tassi di evasione attorno al 5 per cento le linee Faentina via Vaglia, Valdisieve, Garfagnana e Aretina, quest’ultima con la sola eccezione di un treno in partenza la mattina da Firenze.

Questo nuovo approccio al fenomeno dell’evasione, con il richiamo al rispetto delle regole e una maggiore capillarità nei controlli, punta a recuperare risorse finanziarie a beneficio della stragrande maggioranza dei viaggiatori, che paga il biglietto e l’abbonamento, e delle Regioni, cui compete l’onere di finanziare il servizio.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità