Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°32° 
Domani 17°28° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 19 luglio 2019

Cronaca giovedì 29 giugno 2017 ore 12:00

L'incendio per convincerla a pagare il debito

Servizio di Dario Pagli

Cinque in manette per aver tentato di dare fuoco a un lido all'Elba. La proprietaria doveva 60mila euro a un imprenditore ittico di Piombino



FIRENZE — Una brutta storia di estorsione smascherata dagli appostamenti e dalle indagini della Guardia di finanza di Firenze. Alla fine due persone sono finite in carcere e tre ai domiciliari. Per tutti l'ipotesi di reato è concorso in tentata estorsione. 

A capo dell'organizzazione criminale c'era un imprenditore ittico di Piombino. Secondo quanto ricostruito dalla finanza, è stata sua l'idea di dare fuoco al Lido Capriccio di proprietà di un'imprenditrice attiva sull'isola per intimidirla e convincerla a saldare un debito di 60mila euro. Insieme ad altri tre 'soci in affari', l'uomo ha assoldato un pregiudicato siciliano che da anni risiede in Francia. A lui, dietro compenso di cinquemila euro, sarebbe spettato il compito di dare fuoco al capannone usato come rimessaggio per le barche scelto come obiettivo dell'azione. 

Non ci è riuscito perché i finanzieri lo hanno fermato prima dopo averne monitorato gli spostamenti. Le fiamme gialle infatti hanno seguito passo passo la preparazione dell'attentato incendiario, dall'acquisto del materiale e degli inneschi, cioè benzina, lana, legname e fogli di giornale. 

Alla fine gli elementi raccolti hanno permesso di comporre il quadro accusatorio che ha incastrato i cinque componenti della banda, ognuno dei quali aveva un ruolo preciso. Quanto è bastato al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Livorno Antonio Del Forno a disporre i provvedimenti nei loro confronti eseguiti dalla finanza. 

Nei confronti del pregiudicato siciliano, un veterano di questo genere di atti criminali, è stato emesso un mandato di arresto europeo in virtù della sua residenza in Francia. Ora attraverso l'Interpol sarà coinvolta la polizia francese che provvederà all'arresto in vista dell'estradizione in Italia. 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità