Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°31° 
Domani 16°31° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 21 agosto 2018

Attualità giovedì 14 giugno 2018 ore 16:00

L'ultimo viaggio di Duccio abbracciato dagli amici

Foto Facebook Gì Venturini

In centinaia assiepati attorno alla chiesa per il funerale del giovane ucciso nell'inseguimento tra rom. Suonata la sua canzone preferita dei Coldplay



FIRENZE — Una cerimonia privata, come richiesto dalla famiglia per rispetto di Duccio Dini e per evitare strumentalizzazioni della sua tragica morte. Un dolore pubblico, che ha strappato l'applauso all'ingresso e all'uscita del feretro dalla chiesa di Santa Maria a Cintoia, dove stamattina si è recato anche il ministro della giustizia Alfonso Bonafede.

A officiare le esequie don Massimiliano Gabbricci, anche cappellano della Fiorentina e della nazionale. Sulla bara di Duccio, le maglie delle tante squadre in cui ha giocato e quella della Fiorentina, sua grande passione. Nell'omelia, don Gabbricci ha citato anche il 'Piccolo principe di Saint Exupery e ha voluto rivolgere una "preghiera speciale, pensata" per Duccio, "che amava e viveva il calcio con tanta passione: che lo sport possa essere una grande occasione di crescita, unione, integrazione".

"Era un ragazzo riservato, che non amava stare sotto i riflettori - hanno detto alcuni amici - chiediamo che la sua scomparsa non venga strumentalizzata da niente e sa nessuno. Questo per noi é il momento del dolore, e nient'altro. Ciao Duccino, ragazzo sempre disponibile e con la testa da adulto, una mosca bianca ai tempi di oggi. Avevi il dono di farti voler bene da tutti, con quel tuo ciuffo ribelle che ogni tre secondi soffiando spingevi sempre più su". 

Un grande collage con le foto di Duccio  è stato poi realizzato e portato in chiesa dagli amici con la scritta "Sempre con noi". 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità