Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 5° 
Domani -6°5° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 14 dicembre 2018

Lavoro lunedì 24 settembre 2018 ore 10:40

Appalti di pulizia ferroviaria, a rischio 50 posti

Lavoratori e sindacati in presidio davanti alla Prefettura. Problemi: mancato rinnovo ammortizzatori sociali e rischio di 50 esuberi in Toscana



FIRENZE — A  seguito del mancato rinnovo degli ammortizzatori sociali i lavoratori degli appalti pulizie ferroviarie, insieme ai sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Fast e Ugl, sono in protesta di fronte alla Prefettura di Firenze, in via Cavour.

"Tutto questo avviene - hanno spiegato i sindacati - in uno scenario dove le aziende del gruppo Fs, che ad oggi non hanno mai dichiarato diminuzioni di lavoro, sviluppano gare che vengono affidate con ribassi eccessivi, cambi continui delle imprese affidatarie, frammentazione in lotti sempre più piccoli che rendono difficile il mantenimento del livello occupazionale e mancate applicazioni delle clausole sociali. I posti di lavoro a rischio in Italia sono circa duemila su una platea di circa diecimila occupati a livello nazionale e ad oggi il governo, al quale da tempo chiediamo di trovare le misure necessarie atte ad evitare quello che rappresenterebbe un vero e proprio dramma sociale, non è intervenuto. Al governo chiediamo inoltre la pubblicazione delle tabelle di costo del settore, strumento necessario per evitare la sciagura dei ribassi eccessivi".

"Anche in Toscana ci saranno pesanti ricadute occupazionali - hanno detto dai sindacati - in quanto avremo decine di lavoratori in esubero (quasi 50 su un totale di 700 lavoratori circa in Toscana). Tutto questo avviene in uno scenario che da circa quattro anni avrebbe dovuto vedere un aumento del numero dei lavoratori grazie all’assegnazione del nuovo servizio di pulizia a bordo treno, che invece, a causa di gare assegnate con ribassi eccessivi, ha prodotto ad oggi precariato e in futuro produrrà esuberi".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità