Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 14°25° 
Domani 12°20° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 23 ottobre 2019

Attualità giovedì 16 luglio 2015 ore 12:26

Giovani sì e gli idonei non ammessi

Accanto alla nuova graduatoria per i contributi agli affitti della Regione c'è l'elenco di 400 persone che, pur avendo i requisiti, sono rimaste fuori



FIRENZE — Il problema è stato segnalato da un gruppo di 'idonei non ammessi'. In attesa di una spiegazione dalla Regione, questo il testo integrale della nota.

"Salve, scriviamo per comunicare una situazione che ci sembra non sia emersa in modo adeguato sui giornali. Parliamo di Giovanisì - Regione Toscana e del bando per il contributo all'affitto. 

Quest'anno la graduatoria, per la prima volta (siamo alla quinta edizione), è composta anche da un allegato che raggruppa circa 400 "Richiedenti idonei non ammessi a contributo". Questo vuol dire che circa 400 persone, pur avendo tutti i requisiti previsti dal bando, non ne potranno usufruire per mancanza di fondi.

Nella penultima edizione del bando sono stati erogati 1769 contributi, quest'anno 1010.

Mai era successo che chi aveva tutti i requisiti necessari non ottenesse comunque il contributo.La cosa poco chiara è: per quale motivo non è stata detta fin dall'inizio la disponibilità di fondi presenti? Perché quest'anno sono stati stanziati circa 9 milioni di euro, mentre gli altri anni circa 15 milioni? 

Il fatto poi che Giovanisì non sappia neanche gestire un' eventuale modifica della graduatoria a seguito delle rinunce, fa pensare che loro stessi siano abbastanza allo sbando. Se la graduatoria non slitterà, cosa succederà? Dove finiranno i soldi in eccesso?

Altro punto da chiarire sarebbe la graduatoria stessa... C'è chi afferma che questa non sia chiara e trasparente al 100% (ad esempio chi ha un reddito più alto risulta comunque leggermente più in alto in graduatoria rispetto a chi lo ha inferiore). Secondo il bando, inoltre, in caso di parità su tutti i punti, si sarebbe dovuto procedere mediante estrazione. Si è proceduto così? Devono essere chiariti i criteri utilizzati, non è chiaro come abbiano organizzato coloro che erano nella stessa situazione e nella stessa fascia.

Altra cosa "strana" di questo bando è stata la storia ISEE. Alcuni richiedenti sono stati valutati secondo l'ISEE 2014, altri secondo quello 2015. Perché durante la stesura del bando non si era tenuto minimamente conto di questa cosa? Eppure la carta principale per poter partecipare al bando era proprio l'ISEE. E' giusto utilizzare dei parametri diversi per valutare lo stesso bando?E’ proprio per colpa dell’ISEE che il bando si è prolungato tanto nel tempo, fino ad arrivare a giugno, mese in cui sarebbe dovuta uscire la graduatoria, che invece è stata rimandata “a causa delle elezioni regionali”. Ma non si sapeva fin dall’inizio che ci sarebbero state le elezioni?

Molte persone hanno fatto salti mortali per ricevere l'ISEE in tempo e presentare tutto, e magari, visti i lunghi tempi di attesa e le false speranze create da tutte le pubblicità fatte da Giovanisì, hanno anche già stipulato un contratto dato che con un reddito pari a zero erano sicure di rientrare nella graduatoria. Adesso tutte queste persone si trovano in una situazione di disagio che non potevano prevedere sulla base dei risultati degli scorsi anni.

Sarebbe inoltre opportuno che il Settore rendesse visibile un riepilogo dei fondi destinati ad ogni sessione del bando (dove siano evidenziate anche le persone che effettivamente hanno usufruito del bando), così da avere conferma che i 45 milioni di cui parlano, nel triennio 2013-2015, siano stati destinati tutti a questo fine.

Davvero la Regione Toscana, dopo tutte le pubblicità fatte su questo bando, dopo tutto il vantarsi di credere nei giovani, dopo che nella homepage di Giovanisì campeggia la frase ““La buona strada di Giovanisì? Che tutti siano messi in grado di realizzare se stessi, le proprie capacità e potenzialità” vuole lasciare più di 400 dei suoi “amati” giovani così? Senza la sicurezza di arrivare a fine mese per poter pagare l’affitto?

Nella speranza che questi dubbi possano avere una risposta, rimaniamo a vostra disposizione
GLI IDONEI NON AMMESSI"



Tag

Il canto dell'Araponga, l'uccello più assordante al mondo

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità