Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 10°11° 
Domani 12°17° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 18 ottobre 2019

Attualità lunedì 23 febbraio 2015 ore 07:00

Il partito del mattone, il patto del Nazareno

La Rete dei comitati si schiera in difesa del piano del paesaggio: "Con il maxiemendamento Pd, il partito del mattone e del marmo vuole distruggerlo"



FIRENZE — Si fa sempre più acceso lo scontro dialettico sul nuovo piano del paesaggio che il consiglio regionale dovrebbe approvare il 10 marzo dopo ampie modifiche inserite tramite emendamenti votati direttamente in aula.

Gli ultimi a intervenire per difendere il testo del piano predisposto dall'assessore regionale all'urbanistica Anna Marson sono Slow Food Toscana e la Rete dei Comitati per la difesa del territorio.

"Con il maxiemendamento del Pd al piano paesaggistico - si legge in una nota della Rete dei Comitati - il partito del mattone e del marmo tenta di distruggere il piano già adottato dal consiglio regionale".

"Tale maxiemendamento ricalca persino sul piano linguistico le osservazioni di Forza Italia - scrivono ancora i Comitati - riproponendo in chiave regionale il patto del Nazareno con l'esito di svuotare il piano, vanificarne gli obiettivi e corrispondere ai desiderata delle lobby del marmo".

Anche il  comitato esecutivo di Slow Food Toscana si dichiara preoccupato.

"Non vogliamo pensare all'istituzione sottotraccia di un partito del mattone e del cemento (quanto manca alle elezioni?) al quale comunque dichiariamo avversità - hanno dichiarato gli esponenti di  Slow Food in un comunicato -  Ci sentiamo preoccupati riguardo a una classe dirigente che attacca se stessa senza coerenza e senza responsabilità, in nome di un presunto sviluppo che è solo vetero liberismo fuori tempo massimo. Una classe dirigente che deve chiarire a se stessa se il paesaggio è davvero un valore aggiunto come si fa nei convegni o se invece è uno dei tanti temi da utilizzare in base all'esigenza".

"Slow food conferma la disponibilità a confrontarsi  e ad agire con gli altri soggetti che hanno già manifestato allarme - conclude il comunicato - e a sostenere l'azione di chi si impegna ad armonizzare la gestione del territorio con il suo rispetto".



Tag

Berlusconi: «Non volevo, ma sarò in piazza Lega contro il carcere per gli evasori»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Cronaca

Attualità

Cronaca