Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 12°20° 
Domani 12°21° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 23 settembre 2019

Attualità mercoledì 08 aprile 2015 ore 16:02

La Toscana punta su moda e farmaceutica

Servizio di Tommaso Tafi

Siglata un'intesa tra Governo e Regione per spingere le multinazionali a potenziare la loro presenza nei settori più dinamici dell'economia regionale



FIRENZE — Creare nuovi laboratori farmaceutici da un lato e aumentare il valore aggiunto delle produzioni tessili dall'altro. Sono questi gli obiettivi principali dell'intesa siglata in Regione dal governatore Enrico Rossi, dal viceministro allo sviluppo economico Carlo Calenda e dal direttore dell'Agenzia per la promozione delle imprese all'estero, l'Ice, Roberto Luongo.

L'idea non è tanto quella di aumentare il numero di multinazionali sul territorio, che attualmente sono 484 e generano un fatturato di circa 20 miliardi di euro l'anno, quanto piuttosto di spingere le aziende presenti a investire di più. Per farlo la Regione creerà un sistema per fornire assistenza agli investitori stranieri, facilitando l'accesso agli incentivi nazionali e locali e svolgendo attività promozionale coordinata su tutto il territorio.

Un modo per potenziare il lavoro già svolto dall'ufficio di attrazione degli investimenti creato nel 2011 presso la presidenza della Giunta, che ha permesso di rastrellare oltre un miliardo e mezzo di nuovi investimenti che si sono trasformati in 3.352 posti di lavoro.

"Cercare investitori stranieri - ha detto Calenda - non significa andare in giro per il mondo a raccontare quanto è bella l'Italia. Significa invece avere una strategia di lungo periodo e incontrare faccia a faccia i potenziali investitori industriali o istituzionali". Ed è quello che si cercherà di fare in Toscana. Se il modello funzionerà verrà applicato poi alle altre regioni.



Tag

Atreju, paracadutista atterra con tricolore

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca