Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 3° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 14 dicembre 2019

Attualità martedì 28 luglio 2015 ore 17:45

L'anno orribile dell'artigianato toscano

L'ANNO ORRIBILE DELL'ARTIGIANATO TOSCANO

Nel 2014 sono crollati sia i ricavi delle aziende, che gli investimenti che il valore degli stipendi. Malissimo le costruzioni e l'abbigliamento



FIRENZE — La speranza è che il 2015 sia l'anno della svolta ma per il momento se si vuole cercare un segno più, tra le miriadi di dati forniti dall'Istat e rielaborati dalla Cna e che si riferiscono all'anno passato bisogna spingersi fino a Massa Carrara, l'unica provincia in cui le aziende artigiane hanno fatto registrare un +3,1% nei ricavi.

Per il resto buio profondo, come hanno raccontato sia il numero uno della Cna regionale, Valter Tamburini che l'assessore regionale alle attività produttive, Stefano Ciuoffo. In dettaglio, in ogni caso, il 2014 ha visto le imprese artigiane toscane chiudere con ricavi in calo del 4,4%, investimenti in picchiata dell'1,9% e retribuzioni ridotte del 5,1% rispetto al 2013 che già non è stato un anno brillante.

Situazione critica per il settore delle costruzioni (-5,9%), per i servizi, e per il manifatturiero che però ha beneficiato in alcuni casi del buon andamento dell'export. 

Per il resto, è stato un anno difficile per il tessile-abbigliamento (-10,3%), il legno-mobili (-7,9%),  e per il settore agroalimentare (-1,4%).. 

E se si esclude il caso di Massa anche a livello territoriale il 2014 è stato un anno da dimenticare: dati negativi a Prato (-9,7%), Livorno (-6,1%), Lucca (-5,7%), Arezzo (-5,5%), Grosseto (-5,1%), Pisa (-4,4%), Firenze (-3,5%) e Pistoia (-0,9%).

"Non sono numeri positivi quelli per il 2014 per l'artigianato e la piccola impresa - ha commentato il presidente di Cna Toscana, Valter Tamburini -. Ci auguriamo che questo 2015 sia l'anno giusto per cominciare a vedere una inversione di tendenza, che noi crediamo sia ancora troppo timida ma che vogliamo salutare con speranza. Per questo chiediamo alle istituzioni e alla politica di starci vicino, e al mondo del credito di continuare a supportarci cosa che forse non ha fatto in pieno negli ultimi tempi per aiutare la piccola e media impresa"

STEFANO CIUOFFO SU CRISI ARTIGIANATO
VALTER TAMBURINI SU CRISI ARTIGIANATO


Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca