Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi -6°9° 
Domani -4°6° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 11 dicembre 2018

Lavoro lunedì 30 luglio 2018 ore 11:29

Nessun licenziamento al porto di Carrara

Trovata l'intesa tra l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale, la Porto di Carrara Spa e la Dario Perioli Spa



CARRARA — Nella serata di venerdì 27, è stata raggiunta un'importante intesa tra l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale, la Porto di Carrara Spa e la Dario Perioli Spa, che consentirà di avviare la nuova gestione operativa della banchina Taliercio senza dover operare alcuno dei licenziamenti inizialmente annunciati dalla Porto di Carrara, all’indomani degli esiti, per essa non favorevoli, della gara di affidamento in concessione della citata banchina.

Alla trattativa, protrattasi per diverse settimane, hanno attivamente partecipato la Presidente della AdSP Carla Roncallo ed il Segretario Generale Francesco Di Sarcina, assieme ai propri Dirigenti e collaboratori di settore, i vertici della Porto di Carrara spa, Enrico Bogazzi e l’AD Paolo Dello Iacono assieme ai propri collaboratori e consulenti, Michele Giromini, AD della Dario Perioli Spa assieme ai propri consulenti, oltre alle diverse sigle sindacali in rappresentanza dell’organico della Porto di Carrara.

Il Presidente Carla Roncallo ha dato atto, al termine della trattativa, che il senso di responsabilità mostrato da un lato dalla Porto di Carrara SpA nel comprendere la delicata situazione e, di fatto, rivedendo le proprie posizioni iniziali; dall’altro la disponibilità della Dario Perioli SpA nell’estendere le assunzioni oltre il numero di dodici previste dagli obblighi di gara, hanno consentito, con ampia soddisfazione di tutti, di giungere ad un accordo che permetterà di offrire una chance di lavoro a tutti i dipendenti, senza che da questa importante riorganizzazione del porto derivi anche un solo licenziamento.

Tutto ciò in attesa che gli sviluppi programmati dai terminalisti, permettano in futuro un incremento dell’attuale organico del porto.

I vertici della AdSP, unitamente a quelli delle due Società terminaliste di cui sopra, auspicano che, sulla base di questo accordo, si possa avviare subito un percorso virtuoso che porti nel breve periodo alla crescita dei traffici e delle attività portuali, in attesa che i futuri sviluppi infrastrutturali del porto, previsti nel redigendo PRP, possano dare ulteriore impulso alla economia locale.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca