Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 23° 
Domani 20° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 18 ottobre 2017

Attualità giovedì 12 ottobre 2017 ore 19:10

"Ora una ricostruzione rapida e definitiva"

Foto facebook Enrico Rossi

Il presidente e commissario delegato dal Governo Enrico Rossi sui cantieri aperti dopo l'alluvione a Livorno. "Ora vanno tolte le tombature ai fossi"

LIVORNO — Lavori in tempi rapidi e se necessario da eseguire con la massima urgenza per mettere definitivamente in sicurezza il territorio. Questo l'obiettivo del presidente della Regione e commissario delegato per il disastro di Livorno Enrico Rossi che ha svolto un nuovo sopralluogo sui cantieri aperti a Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo dopo l’alluvione del 10 settembre. Il giro è partito dal torrente Morra in località Crocino per toccare la località Ferriere dove la strada è franata, la foce del rio Bandinella dove l’alveo del torrente è stato allargato, piazza delle Carrozze a Montenero e il Botro della Gorgia. Con Rossi, anche le assessore regionali all’ambiente Federica Fratoni e alle politiche per il lavoro Cristina Grieco. Obiettivo, appaltare tutti i lavori entro il marzo del 2018.

"Sono aperti molti cantieri e stiamo intervenendo su circa ottanta situazioni - ha detto Rossi - Assieme a noi stanno intervenendo anche altri Enti, i Comuni interessati e la Provincia. Nel complesso c'è stata una grande capacità di risposta. Oggi ho fatto un sopralluogo nel territorio di Collesalvetti e poi sono andato alla periferia di Livorno a vedere altre criticità. Adesso bisogna togliere le tombature per restituire ai fossi i loro corsi d'acqua. Entro la prossima settimana o al massimo quella dopo avremo il piano di tutti gli interventi da fare. Forse ci sarà bisogno di altri finanziamenti, ma noi vogliamo fare un lavoro capace di durare nel tempo".

Ora si aspetta di togliere le tombature per restituire ai fossi i loro corsi d’acqua mentre proseguono i lavori di ripulitura degli alvei dai detriti per impedire che con le piogge i torrenti possano ostruirsi.

"Abbiamo fatto questi sopralluoghi - ha detto Rossi - e ne faremo altri nelle prossime settimane per continuare a verificare le criticità prodotte dall'alluvione e gli interventi che possiamo mettere in campo per superarli".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca