Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 21°33° 
Domani 22°33° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 26 giugno 2019

Cronaca mercoledì 31 maggio 2017 ore 17:55

Ipnotizza la vittima e poi ruba il Rolex

A Quercianella un architetto di Castelfranco è stato derubato da un motociclista. Il suo racconto. L'identikit dell'ipnotizzatore



LIVORNO — Rudy Aringhieri, archittetto di 48 anni di Castelfranco di Sotto, è ancora incredulo del furto subito sabato pomeriggio a Quercianella: "Fino al giorno prima pensavo che furti con ipnosi fossero impossibili, mi ritengo un tipo sveglio".

"Erano le 16,30 - ha raccontato Aringhieri - ero arrivato da poco insieme alla famiglia. Ho parcheggiato l'auto vicino alla nostra casa e ho preso la bicicletta per raggiungere il circolo della pesca dove era in programma una riunione".

Pedalando su via Puccini Aringhieri è stato affiancato da un motociclista: "L'uomo alla guida con fare amichevole mi ha detto 'sei dimagrito!' il che è vero, negli ultimi tempi sono dimagrito". Poi il motociclista ha chiesto ad Aringhieri di fermarsi per fare due chiacchiere: "Mi ha chiamato per nome oppure in maniera molto amichevole, mi ha detto di essere il figlio di Riccardo e di aver aperto una palestra da poco".

A quel punto il contatto fisico: "Stavamo parlando ancora del mio dimagrimento e lui parlava di massa grassa, mi pare. Mi ha toccato sotto al braccio destro con i polpastrelli, dopo mi ha detto 'sfilati l'orologio e mettitelo in tasca'...".

"Io l'ho fatto senza dire niente - ha raccontato Aringhieri - non potevo, non riuscivo a parlare...". Nella voce dell'architetto la delusione e l'incredulità di aver subito una truffa senza rendersi conto di niente: "Senza poter opporre resistenza, vedevo, capivo cosa succedeva ma ero inerme. Subito dopo mi sono ritrovato con la mia gamba in mezzo alle sue, stretta. L'ipnotizzatore mi diceva 'senti le vibrazioni! Senti le vibrazioni!' più e più volte. A quel punto, eravamo accanto alla sua moto, io l'ho spenta, ho girato la chiave. Ancora non potevo parlare. Poi ricordo di averlo visto allontanare proprio sulla moto". 

"In quel momento - ha aggiunto l'architetto - ho capito di aver subito un furto. Mi ha rubato il Rolex Submarine acciaio oro che mi era stato regalato per la laurea. La situazione sarà durata al massimo un minuto".

Aringhieri ha fatto denuncia ai carabinieri di Castelfranco: "Ho contattato subito quelli di Montenero ma non ero lucido, non avrei saputo cosa dire. Mi ci sono voluti giorni per ricostruire l'accaduto. La prima notte non ho dormito, mi colpevolizzavo per non aver opposto resistenza. Ho voluto raccontare questa esperienza per mettere in guardia le altre persone". 

L'architetto ha poi fornito un identikit del truffatore: "Alto circa un metro e ottanta, aveva gli occhiali da sole ma ho visto che aveva gli occhi verdi. Capelli scuri, corti. Barba folta. Accento toscano ma non livornese, mi pare".

René Pierotti
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità