Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 1° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 13 dicembre 2019

Attualità giovedì 03 novembre 2016 ore 17:39

Un enorme boato crea il panico terremoto

Il fragore è stato avvertito nelle province di Lucca, Massa Carrara, Pisa, Livorno. Ma dall'Ingv non arriva alcuna conferma. Forse un bang supersonico



LUCCA — Attimi di panico da terremoto in una parte della Toscana, soprattutto nella zona costiera. Molti cittadini hanno sentito un forte boato associato ad una vibrazione che ha fatto tremare le finestre e hanno pensato ad un terremoto. Il boato è stato avvertito intorno alle 17.05 in tutta la provincia di Lucca, in Garfagnana e Versilia ma anche nella provincia di Massa Carrara, in Lunigiana,  a Livorno e a Pisa.

Ma al momento per l'Ingv, l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, non risultano scosse sismiche nelle zone dove è stato sentito il fragore. Infatti sul sito dell'Ingv l'ultimo terremoto segnalato intorno all'ora del boato è quello delle 17.22 in provincia di Rieti, con una magnitudo 2.7.

Su Facebook si è quindi scatenato il popolo del web, dalla Lunigiana a Massa, passando per la Versilia e Lucca.

C'è chi sostiene di aver sentito un boato fortissimo, altri parlano di porte che hanno tremato con i lampadari che però sono rimasti fermi. Altri hanno pensato ad un tuono. 

Molto probabilmente invece si è trattato di un bang supersonico: è il suono prodotto dal cono di Mach generato dalle onde d'urto create da un oggetto (ad esempio un aereo) che si muove, in un fluido, con velocità superiore alla velocità del suono.

Stesso fatto è accaduto all'Isola d'Elba nei giorni scorsi. Anche in quel caso un forte boato ha creato il panico sull'isola: gli abitanti hanno pensato ad un terremoto ed invece erano semplicemente aerei supersonici in volo di addestramento verso la Corsica.



Tag

Si assentava dal posto di lavoro, arrestato il sindaco di Scalea

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Lavoro