Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°26° 
Domani 18°29° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 25 agosto 2019

Attualità venerdì 15 aprile 2016 ore 15:55

Marmo insanguinato, il comparto si ferma

Servizio di Elisabetta Matini

Proclamato dalle segreterie nazionali dei sindacati di categoria lo sciopero dell'intero settore il 28 aprile dopo morte di due cavatori a Carrara



CARRARA — Ad annunciarlo sono le segreterie nazionali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil. 

Quella avvenuta a Carrara è l'ennesima tragedia che aggiunge altre due vittime a una lista già troppo lunga, dicono i sindacati. Numeri alla mano,"nel comparto del marmo dal 2010 ad oggi hanno perso la vita 29 lavoratori, nel 2016 sono già 4 le vittime. In particolare, a Carrara, negli ultimi sette mesi si sono registrati 5 infortuni mortali”, spiegano le organizzazioni sindacali.

“Il settore delle costruzioni paga un pesante tributo di sangue a causa delle inadempienze e delle superficialità con le quali viene organizzato il lavoro nelle aziende - proseguono - a cominciare da quelle del marmo che, nonostante i positivi risultati economici del settore, non sembrano impegnate nel tramutare i valori positivi della ripresa anche in nuovi e più adeguati investimenti in sicurezza."

Per i sindacati “è necessario introdurre procedure che possano selezionare solo quelle aziende con comprovate capacità economiche, professionali e in grado di garantire la massima sicurezza nei posti di lavoro. Vanno rafforzati i controlli ed elevate le sanzioni per chi non rispetta le regole, prevedendo la revoca, da parte delle istituzioni locali, delle concessioni alle aziende che non le rispettano.”



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità