Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 21 novembre 2018

Cronaca domenica 05 novembre 2017 ore 11:37

Fraticidio in villa, Casonato si dispera

L'uomo ha parlato di "tragica fatalità". Riguardo ai rapporti col fratello: "Lo amavo profondamente". La ricostruzione dell'incidente col gip



MASSA CARRARA — Marco Casonato ha parlato di "drammatica fatalità. L'uomo si trova in carcere con l'accusa di omicidio per aver investito volontariamente il fratello Piero, nel parco della villa Massoni, che i due fratelli hanno ereditato.

A riportare le parole disperate di Casonato è stato l'avvocato difensore, Valter Matarocci, subito dopo l'interrogatoria di convalida dell'arresto, avvenuto ieri col gip Alessandro Trinci. Si apprende che l'interrogatorio è stato lungo, quasi cinque ore, e che Casonato abbia avuto vari momenti di cedimento al dolore e allo sconforto, con frasi di amore profondo per il fratello.

L'avvocato ha poi spiegato che Casonato ha parlato della dinamica dell'incidente. Il racconto di Casonato spiega che lui si trovava in auto nel parco e che è stato assalito da un gruppo di rom che erano nel parco per dei lavori di ristrutturazione.

Per fuggire da loro l'uomo avrebbe accelerato ritrovandosi poi davanti il fratello. Si apprende che quei lavoratori non erano in regola perché la villa è sotto sequestro e ogni intervento doveva avere il via libera della procura della Repubblica. Casonato ha negato di aver avuto litigi col fratello Piero.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità