Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 11° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 20 novembre 2019

Attualità martedì 04 novembre 2014 ore 17:35

E' nata Centralia, accelerazione per la Due Mari

Firmato l'accordo fra Anas e Regioni Toscana, Umbria e Marche per costituire la società che completerà la Fano-Grosseto. Presente il ministro Lupi



ROMA — La società "Centralia-Corridoio Italia centrale spa" è partecipata per il 55% da Anas e per il 45% dalle tre Regioni attraversate dal tracciato della Due Mari. Per la Toscana ha firmato l'intesa l'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli.

Centralia dovrà ora individuare il soggetto a cui affidare con un contratto di disponibilità i lavori di completamento e ammodernamento della E78, realizzando così l'autostrada dei Due Mari. La lunghezza prevista inizialmente per l'infrastruttura era di 270 chilometri ma ad oggi ne sono stati realizzati solo 127.

"La Famo Grosseto si inserisce nel piano globale di collegamento del paese che avrà finalmente assi stradali e ferroviari all'altezza fra la dorsale tirrenica e quella adriatica - ha commentato il ministro Maurizio Lupi - La costituzione di centralia è stata fortemente voluta, è l'inizio di un lavoro e per realizzarlo abbiamo scommesso su Anas".

"La costituzione della società di progetto è un passo decisivo verso il completamento di un'opera davvero fondamentale per i territori che attraversa e non solo - ha commentato l'assessore Ceccarelli - Il completamento della Due Mari consentirà di inserire la Toscana nel cuore di uno dei collegamenti trans-europei, il Ten-t, su cui si fonda la strategia continentale di sviluppo della mobilità delle merci e delle persone''. 

"Nella compagine sociale di Centralia – ha spiegato Ceccarelli - ci sono tutti i soggetti necessari per valutare la fattibilità del progetto di partenariato pubblico-privato che dovrebbe consentire di superare gli ostacoli che hanno per decenni impedito il completamento dell'opera".

La E78 è un asse viario strategico fra Tirreno e Adriatico. Il progetto nacque alla fine degli anni Sessanta e prevedeva l'inizio della nuova viabilità sulla via Aurelia all'altezza di Grosseto e la sua conclusione sulla A 14 vicino al casello di Fano.

La E78 attualmente collega Siena e Arezzo in Toscana e Urbino e Fano nellle Marche, incrociando la E45 e la fondovalle del Metauro.

Maurizio Lupi - dichiarazione
Vincenzo Ceccarelli - dichiarazione


Tag

Caso Cucchi, Gabrielli: «Chi ha offeso dovrebbe chiedere scusa»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità