Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°25° 
Domani 18°27° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 20 agosto 2017

Attualità mercoledì 19 ottobre 2016 ore 14:45

In sciopero contro il nuovo codice degli appalti

Mobilitazione dei dipendenti delle aziende controllate dalle concessionarie autostradali. A rischio 2.600 posti di lavoro di cui 350 in Toscana

FIRENZE — Centinaia di lavoratori in tutta Italia hanno scioperato per otto ore nella giornata di mobilitazione nazionale indetta da Fillea Cgil, Filca Cisl e Fenal Uil in difesa dei dipendentii delle imprese che lavorano in house per le concessionarie autostradali Itinera, Abc, Sicogen, Sea, Interstrade, Sina per il Gruppo Gavio, Pavimental e Spea per Atlantia, Serenissima Costruzioni per A4 Holding.

Il nuovo codice degli appalti limita i lavori di manutenzione o progettazione che possono essere affidati dalla concessionarie alle aziende controllate al 20 per cento del totale. Una soglia che ha fatto immediatamente diminuire gli affidamenti diretti e dato il via ai licenziamenti, già 400 in Italia su un numero di addetti complessivo di 2.600.   

"I licenziamenti sono iniziati nonostante gli impegni presi al ministero delle Infrastrutture per affrontare il problema occupazionale determinato dalla nuova legge sugli appalti pubblici - spiegano i sindacati - Le concessionarie autostradali intendono utilizzare il biennio di transizione previsto dalla legge per licenziare progressivamente le maestranze e stanno adeguando in questo modo le loro strategie. Infatti non affidano più direttamente molti lavori alle controllate per poter rientrare nei limiti della legge".

In Toscana rischiano di perdere il posto 350 persone. Nella giornata dello sciopero nazionale, un gruppo di lavoratori ha manifestato davanti alla sede della giunta regionale per chiederne l'intervento. Una delegazione è stata ricevuta da Gianfranco Simoncini, consigliere del presidente Enrico Rossi sulle questioni del lavoro. 

“E’ stato un incontro positivo, abbiamo registrato la sensibilità della Regione sul tema - hanno commentato i rappresentanti dei lavoratori - La Regione si è impegnata a chiedere al ministero delle Infrastrutture di rispettare gli impegni presi con le sigle sindacali nazionali. Senza risposte positive, la mobilitazione non potrà che continuare”.

GIULIA BARTOLI SU SCIOPERO LAVORATORI IMPRESE CONCESSIONARIE AUTOSTRADE - dichiarazione
LAURA ZUCCHINI SU SCIOPERO LAVORATORI IMPRESE CONCESSIONARIE AUTOSTRADE - dichiarazione
Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca