Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°31° 
Domani 18°28° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 21 luglio 2019

Attualità venerdì 27 marzo 2015 ore 19:07

Guerra aperta all'italian sounding

Il ministro Martina ha annunciato che da quest'estate negli Stati Uniti i prodotti made in Italy saranno raccolti sotto il marchio Segno unico Italia



FIRENZE — Parte dagli Usa la lotta contro l'italian sounding, il mercato di prodotti che sembrano italiani, ma in realtà non lo sono. Prodotti che richiamano località e sapori della nostra tradizione, dal Parmesan al salam Napoli, alla soprassata Daniele, ma che nulla hanno a che fare con l'Italia.

Prodotti che secondo alcune stime del governo italiano, hanno un mercato da 54 miliardi di euro l'anno.

Per porre un freno a questo fenomeno che mina l'economia agroalimentare italiana che rappresenta circa l'8% del pil nazionale, il ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina, arrivato a Firenze per partecipare a una due giorni di dibattito su Expo, ha deciso di lanciare il "Segno unico Italia", un marchio sotto il quale confluiranno tutti i prodotti - siano essi dop, igp docg - autenticamente made in Italy.

Un marchio che non finirà direttamente sulle confezioni degli alimenti, ma sugli scaffali dei supermercati dove potranno essere esposti solo i prodotti italiani.

Si partirà dagli Stati Uniti da quest'estate: "C'è una Commissione di garanzia, fatta da professionisti del settore - ha spiegato Martina -, che analizzerà il lavoro di diverse agenzie di comunicazione e credo che con metà aprile questa prima fase finirà per andare poi all'applicazione".

Maurizo Martina su Segno unico Italia - Video


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità