Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°26° 
Domani 17°29° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 15 luglio 2018

Attualità giovedì 30 marzo 2017 ore 19:49

Tallio, scoperta la sorgente della contaminazione

I ricercatori dell'ateneo pisano hanno identificato ossidi e cloruri di talllio nelle incrostazioni ferruginose delle condutture idriche



PIETRASANTA — Sono stati gli studiosi del Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università di Pisa a identificare l'origine della contaminazione da tallio che ha reso l'acqua dell'acquedotto di Valdicastello non potabile per lunghi periodi.

"Le indagini hanno mostrato la presenza di ossidi e cloruri di tallio nelle incrostazioni ferruginose sulla superficie interna delle condutture idriche - hanno spiegato il cooridnatore dello studio Massimo D'Orazio e il ricercatore Francesco d'Acapito - La ricerca ha evidenziato soprattutto il ruolo attivo giocato dal trattamento delle acque potabili, soprattutto l'uso di ossidanti a base di cloro, nel favorire la precipitazione di questi composti in acque contaminate  da tallio monovalente come quelle della sorgente Molini di Sant'Anna, sorgente primaria della contaminazione da tallio".

La sorgente Molini è stata esclusa dalla rete idrica di Valdicastello dal 2014.

"La precipitazione ha sequestrato parte del tallio limitando l'esposizione umana - hanno proseguito i ricercatori - Ma la natura moderatamente solubile del cloruro di tallio presente nelle condutture ha contribuito a generare una nuova e inattesa fonte di contaminazione di questo elemento in grado di rilasciare lentamente tallio nell'acqua potabile".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Sport

Cronaca