Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 12° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 21 novembre 2019

Attualità mercoledì 25 gennaio 2017 ore 11:08

Spacciavano nel bosco armati di machete

La Squadra Mobile di Pistoia ha arrestato sei persone che spacciavano droga in un bosco di Cerbaia, nei pressi di Larciano



PISTOIA — Sei persone, tre di nazionalità marocchina e tre di nazionalità albanese, sono state arrestate dalla Squadra Mobile di Pistoia dopo una lunga attività investigativa.

L'indagine ha consentito di svelare una fitta attività di spaccio di cocaina e marijuana attiva nella provincia di Pistoia tra i mesi da Aprile ad Agosto 2016.

La droga veniva venduta, nelle ore serali e notturne, ai margini di un bosco situato in località Cerbaia nel comune di Larciano da un gruppo di quattro cittadini marocchini residenti a Fucecchio. 

Il luogo era stato scelto poiché la fitta vegetazione si prestava come ottimo nascondiglio e come via di fuga quando si presentava la necessità di sottrarsi ad eventuali interventi delle forze dell’ordine. 

Durante l’attività di spaccio i marocchini erano armati con grossi machete.

Il gruppo acquistava la cocaina e la marijuana che era venduta al dettaglio da due cittadini albanesi residenti a Lucca e, in alternativa, da un altro cittadino albanese residente a Pistoia.

Nel corso delle indagini è emerso anche che i due cittadini albanesi di Lucca, per non destare sospetti durante il trasporto in auto della cocaina da smerciare, portavano con loro la moglie di uno di essi e i loro due figli minori, di cui uno affetto da sindrome di down.

Le misure cautelari sono state eseguite nelle province di Pistoia, Firenze, Lucca e Pisa avvalendosi della collaborazione di personale del Reparto Prevenzione Crimine Toscana, e di unità cinofile di Firenze.

Gli ordini di custodia cautelare ai danni dei sei sono stati emessi dal giudice per le indagini preliminari di Pistoia su richiesta del Sostituto Procuratore Claudio Curreli.

Un settimo destinatario della misura, di nazionalità marocchina, al momento non è stato rintracciato ed è attivamente ricercato.

Nell’abitazione di uno degli arrestati sono stati sequestrati anche 28mila euro in contanti ritenuti provento dell’attività di spaccio.



Tag

Esplosione a Barcellona Pozzo di Gotto, il fumo visibile a chilometri di distanza

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità