Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 13° 
Domani 10°19° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 20 aprile 2019

Attualità mercoledì 11 maggio 2016 ore 10:40

Uffici e case perquisiti contro il caporalato

Al vaglio degli inquirenti la documentazione contabile e amministrativa delle imprese e i rapporti con la coppia di coniugi caporali



FIRENZE — Il caso degli immigrati che ogni giorno venivano trasferiti da Prato al Chianti per massacranti turni di lavoro sottopagato e spesso accompagnato da botte e minacce ha scoperchiato vaso di Pandora sui cui ora gli inquirenti sono determinati a fare piena luce. 

Molte le perquisizioni che sono state eseguite tra Prato e il Chianti fiorentino. Perquisiti uffici e case dei titolari delle aziende coinvolte anche se questi, per il momento, non risultano indagati. 

Quello che, anche attraverso i documenti contabili e amministrativi prelevati, gli inquirenti cercano di ricostruire è il rapporto tra le aziende vitivinicole e i due coniugi pakistani a cui faceva capo l'organizzazione che gestiva i lavoratori sfruttati. Quando sono arrivati gli investigatori, i titolari delle aziende hanno contattato subito i loro avvocati. 

Altri accertamenti, da quanto emerso, serviranno a capire se i lavoratori sfruttati siano stati indirizzati anche a piccole fattorie dell'indotto di aziende vitivinicole più grandi. 



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca