Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 10°21° 
Domani 10°18° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 17 ottobre 2019

Cronaca mercoledì 28 maggio 2014 ore 18:34

Spaccio di cocaina, 13 arresti in Toscana

Gli spacciatori operavano principalmente nel Valdarno e nelle province di Arezzo, Siena e Grosseto.



AREZZO — Il gip di Arezzo ha disposto le misure cautelari nei confronti di 11 persone di nazionalità albanese e italiana. Due le persone sottoposte ad obbligo di dimora. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della compagna di Figline Valdarno, il gruppo, capeggiato da un uomo albanese di 34 anni, era in grado di approvvigionarsi periodicamente di considerevoli quantitativi di cocaina, anche 500 grammi per volta, che poi rivendeva sia all’ingrosso che al dettaglio. Il valore delle partite di stupefacente trattate variava dai 500 fino ai 20.000 euro. Le indagini sono iniziate nel dicembre del 2012, a seguito dell’arresto, in località Matassino nel comune di Figline Valdarno (Firenze), di uno spacciatore di 53 anni, sorpreso in possesso di 120 grammi di cocaina. Sempre nell’ambito delle indagini, i militari hanno arrestato un quarantaseienne residente a Grosseto, che nascondeva un chilogrammo di marijuana nella sua abitazione. Oltre 50 i militari impegnati nell’esecuzione degli arresti, tra cui i carabinieri dei comandi provinciali di Firenze, Arezzo, Siena e Grosseto, e tre unità dei nuclei cinofili dei carabinieri di Firenze e San Rossore. Nascondevano la cocaina in zone boschive e in casolari abbandonati, e poi ‘mappavano’ ogni singola partita di polvere bianca annotandone il peso e il luogo dove era stata occultata. Così tentavano di sfuggire ai controlli delle forze dell’ordine gli 11 componenti della banda specializzata nello spaccio in Toscana, arrestati dai carabinieri su disposizione del gip di Arezzo. Gli acquirenti, in relazione alla quantità di cocaina richiesta ricevevano dalla banda le indicazioni sul luogo dove avrebbero potuto trovarla. Uno dei luoghi preferiti dai criminali, era un campo nella zona di Bucine, nella zona di Arezzo, a pochi metri dell’autostrada. 



Tag

Manovra, Salvini: "Governo di incapaci o cretini"

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cultura

Attualità

Attualità