Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°27° 
Domani 12°20° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 18 settembre 2019

Attualità giovedì 02 aprile 2015 ore 17:39

Uragano, Regione e Comuni chiedono aiuto urgente

I danni che la bufera di vento ha lasciato dietro di sé ammontano a 568 milioni la metà ad attività produttive, serve l'intervento del Governo



FIRENZE — Una lista di spese già fatte che tra interventi di primo soccorso, somme urgenze e interventi urgenti sfiora gli 80 milioni e praticamente tutti i comuni della Toscana coinvolti, 252 su 280, dopo i cinque che si sono aggiunti nell'ultimo elenco.

A Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, sede della presidenza della Regione, si sono incontrati gli amministratori dei comuni colpiti un mese fa dalla furia del vento: in particolare quelli della Toscana Nord-Ovest e Sud-Est. Con Prato, Pistoia, Firenze e tutti i sindaci della Toscana centrale l'incontro c'era già stato lunedì.

"La Regione Toscana si è mossa con grande sollecitudine per far fronte a questo nuovo evento che non è stato certo minimale" ha sottolineato l'assessore alla presidenza, Vittorio Bugli. Con lui l'assessore all'agricoltura Gianni Salvadori.

"La Regione – ricorda Bugli - ha dichiarato subito la rilevanza nazionale ed è stata richiesta la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale, di cui è quasi certo il riconoscimento da parte del Governo una volta che avrà fatto le verifiche già in corso. Ma ad oggi sono già stati attuati interventi di primo soccorso per 2 milioni e 200 mila euro, somme urgenze per oltre 26 e interventi urgenti per circa 51. Si capisce dalle cifre e andando in giro per la Toscana come l'evento abbia avuto un impatto enorme al quale non sembra corrispondere una percezione adeguata dei media e del Paese". Da qui la necessità di fare presente, tutti insieme, questa situazione: "per sensibilizzare l'opinione pubblica nazionale sulla gravità dell'evento, sollecitare l'aiuto del Governo e scrivere una lettera collettiva a tutti i Parlamentari toscani per sostenere le nostre richieste".

"Con i Comuni – conclude - dobbiamo studiare soluzioni anche per i danni patiti dalle foreste e trovare modalità efficaci di intervento per i parchi urbani, anch'essi duramente colpiti". La Regione ha già attivato una task force scientifica per studiare azioni di ripopolamento boschivo e riprogettazione del verde delle città. "Ma non possiamo – ripete Bugli - fare tutto solo con le nostre forze. Serve l'aiuto del Governo".



Tag

Italia Viva, Renzi e Vespa prendono il caffè e all'ex premier «sfugge» il nome del nuovo partito

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Lavoro

Attualità