Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°31° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 21 luglio 2018

Cronaca venerdì 22 giugno 2018 ore 19:23

Massacrò la moglie, ergastolo per Matteo Cagnoni

La Corte di Assise ha accolto la richiesta del pm, riconoscendo le aggravanti della premeditazione e della crudeltà nell'omicidio di Giulia Ballestri



RAVENNA — E' stato condannato all'ergastolo il dermatologo fiorentino Matteo Cagnoni, 53 anni, accusato di omicidio pluriaggravato per aver ucciso a bastonate la moglie Giulia Ballestri. Il delitto risale al 16 settembre 2016 e fu commesso in una villa di famiglia di Ravenna, a quel tempo disabitata. La vittima aveva 39 anni. La coppia era in profonda in crisi da tempo, Giulia, stando ad alcune testimonianze, voleva separarsi per rifarsi una vita con un'altra persona.

Il giorno dell'assassinio, Cagnoni attirò la moglie nell'edificio con una scusa e lì, stando alla ricostruzione dell'accusa, la uccise a colpi di bastone. Poi abbandonò il cadavere a terra, in un lago di sangue, tornò a casa, caricò i tre figli in auto e si rifugiò a Firenze, a casa del padre. Quando qualche giorno dopo le forze dell'ordine bussarono alla porta, Cagnoni fuggì nei campi ma dopo poche ore tornò sui suoi passi e scattò l'arresto. 

Il dermatologo si è sempre dichiarato innocente ma la Corte, nella sentenza, ha accolto totalmente la tesi del pm riconoscendo la aggravanti della crudeltà e della premeditazione.

Per i figli della coppia, ora affidati allo zio, il fratello di Giulia, i giudici hanno fissato un risarcimento di tre milioni di euro. Risarcimenti anche per le parti civili, fra cui il Comune di Ravenna.

Gli avvocati difensori di Cagnoni hanno annunciato il ricorso in appello.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca