FIRENZE
Oggi 9° 
Domani 8° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 03 dicembre 2016

Cronaca sabato 19 marzo 2016 ore 16:47

Messaggi pro Isis sul cellulare di Jamal

Jalal El Hanaoui il giorno dell'arresto

Son alcune delle prove a carico emerse al processo a Jalal El Hanaoui, il 25enne accusato di incitamento al jihad e proselitismo per lo Stato Islamico

PONSACCO — La vita di Jalal El Hanaoui continua a essere setacciata alla ricerca di prove che confermino la sua vicinanza all'Isis e la sua istigazione al jihad.

Nella terza udienza che si è tenuta ieri davanti alla corte d’assise del tribunale di Pisa, presieduta dal giudice Pietro Murano è emerso che il giovane possedeva nel suo cellulare un messaggio vocale che inneggiava all'Isis. El Hanaoui, che è difeso dagli avvocati Marco Meoli e Tiziana Mannocci, aveva un'intensa attività su Fb. Dai suoi tre profili accedeva al web alla ricerca di notizie e contatti col mondo estremista islamico.

El Hanaoui continua a essere detenuto in carcere dove è rinchiuso dal luglio scorso. Nella prossima udienza, in programma il 1 aprile, saranno sentiti sei testimoni della difesa e due dell’accusa.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Politica

Cronaca