Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 10°20° 
Domani 10°18° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 16 ottobre 2019

Attualità sabato 13 agosto 2016 ore 12:30

Espianto multiorgano riuscito all'ospedale Lotti

Quattro le equipe chirurgiche coinvolte nel delicato intervento su una donatrice di 55 anni straniera pontederese. Il plauso di Saccardi e Millozzi



PONTEDERA — E' andato a buon fine, nei giorni scorsi, il delicato intervento di espianto multi organo di fegato, reni, pancreas, cute, cornee e tessuto muscolo-scheletrico eseguito da quattro equipe chirurgiche all'ospedale Lotti di Pontedera.

L'intervento è stato effettuato su una donatrice di 55 anni di nazionalità straniera e residente a Pontedera, deceduta per emorragia cerebrale. Il consenso all’espianto degli organi è stato dato dai familiari, ai quali vanno i ringraziamenti della direzione aziendale ospedaliera per la "straordinaria sensibilità e la capacità di compiere un atto di grande generosità nonostante il profondo dolore per la perdita del loro caro congiunto".

"Al buon esito del processo donativo hanno collaborato ben 4 equipe chirurgiche - si legge in una nota dell'Ausl - che si sono alternate nel corso del delicato intervento che è durato in totale circa 24 ore: l'equipe dell’Azienda ospedaliera pisana di ha prelevato fegato, reni e pancreas. La cute, prelevata dall’equipe dermatologica senese, è destinata alla “Banca della Pelle” di Siena. Le cornee, prelevate dai medici specialisti dell’Asl Toscana nord ovest, sono state inviate alla "Banca delle cornee" di Lucca. L’equipe chirurgica di Bologna si è occupata del tessuto muscolo-scheletrico".

"Per la buona riuscita della delicata operazione - aggiungono dal Lotti - è stato determinante il contributo del personale sanitario della rianimazione e della sala operatoria dell’ospedale il coordinamento Toscana Trapianti e la direzione del presidio ospedaliero, dimostrando la capacità di uno sforzo organizzativo non comune pur in periodo feriale".

Soddisfatto il sindaco di Pontedera Simone Millozzi che ha sottolineato "l’efficienza del sistema dimostrata dai professionisti della sanità toscana, per la sensibilità della famiglia della donatrice che da subito si è dichiarata disponibile all’operazione e per questa testimonianza di donazione che viene da una donna straniera, dimostrando che il tema della generosità e del dare/ricevere travalica i confini e le classi sociali, avendo a che fare con l’animo umano e la capacità dei singoli di compiere atti d’amore".

"Un nuovo espianto multiorgano in Toscana, un evento impegnativo e complesso", è il commento dell'assessore al diritto alla salute della Regione Toscana Stefania Saccardi che ha aggiunto: "Questa volta si tratta di una donatrice di nazionalità straniera, ma la sostanza non cambia: è un atto di grande generosità, compiuto in un momento di grande dolore. Il mio grazie va quindi prima di tutto ai familiari che hanno consentito l'espianto degli organi, e poi a tutte le équipe chirurgiche, al personale della rianimazione e della sala operatoria dell'ospedale Lotti di Pontedera, che con il loro lavoro hanno reso possibile la buona riuscita di un intervento così delicato. La professionalità, la dedizione, l'abnegazione degli operatori sono il grande valore aggiunto della sanità toscana".



Tag

I corpi dei migranti sui fondali di Lampedusa: il video dei sommozzatori

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca