Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°27° 
Domani 18°27° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 23 agosto 2019

Politica sabato 23 maggio 2015 ore 14:56

Vendola: "In Toscana laboratorio per la sinistra"

Il leader Sel all'attacco delle "politiche di destra" di Renzi e Rossi. Poi a suoi: "C'è una una ribellione sociale cui dare voce, basta con le risse"



AREZZO — "Nella Toscana di Matteo Renzi, parte un laboratorio che cerca di restituire alla parola sinistra il suo significato". Parole di Nichi Vendola, segretario di Sinistra Ecologia e Libertà, oggi ad Arezzo a sosstegno della campagna elettorale di Tommaso Fattori, candidato a governatore per la lista "Sì - Toscana a Sinistra" e al candidato a sindaco di Arezzo, Gianni Mori.

Quale sinistra dunque ha in mente il leader pugliese? "Non una piccola sinistra estremista e radicale ma una grande sinistra" ha spiegato Vendola, che sia in grado di dare rispote a quella definsice una "drammatica domanda di rappresentanza politica, da parte delle spinte che ci sono nella società, cioè la ribellione dei precari, dei lavoratori, del mondo della scuola, delle giovani generazioni senza futuro, questa ribellione ha bisogno di trovare casa, ha bisogno di un punto di riferimento".

Le battaglie? No alla cancellazione dell'articolo 18, no all'aggressione alla scuola pubblica. L'opposto di quello che fa il governo ed il Pd di Matteo Renzi: "Una sinistra che fa le politiche di destra - attacca Vendola - che immagina che la modernità sia radere al suolo i diritti sociali, aggredire la scuola pubblica, precarizzare ulteriormente il mercato del lavoro, immaginare grandi opere che sono cemento e stupro del territorio". 

Una situazione che secondo il leader Sel si verifica anche nella nostra regione: "Anche in Toscana, dietro le cartoline illustrate, dietro a tanta retorica nuovista, credo che ci sia bisogno di mettere in discussione un modello di Governo". Per farlo però, avverte Vendola anche la "vera sinistra" deve cambiare, e mettere da parte alle litigiosità interne: "Bisogna mettere in archivio questa tendenza alla parcellizzazione ed alla frammentazione. Se la sinistra è fatta di tanti cespugli, di tante risse, la gente ha uno stimolo a non andare proprio a votare".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca