Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°18° 
Domani 12°20° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 23 settembre 2019

Cronaca domenica 30 luglio 2017 ore 09:00

Crollo della pedana al Pucciniano, tre a processo

Nel crollo della piattaforma durante la Turandot rimase ferito il tenore Marco Voleri. Indagato anche il presidente del Festival, Alberto Veronesi.



VIAREGGIO — La procura della Repubblica di Lucca ha disposto la citazione diretta a giudizio per Alberto Veronesi (presidente della Fondazione Festival Pucciniano), Uberto Bonetti (costruttore del montacarichi che crollò, sul quale era seduto in scena durante la rappresentazione il tenore Marco Voleri) ed Adalgisa Mazza (ex presidente della Fondazione Festival Pucciniano) in merito all'incidente del 7 agosto 2015 di cui fu vittima, appunto, il tenore Voleri, durante la rappresentazione di Turandot al GranTeatro all'aperto di Torre del Lago. 

Voleri, nell'incidente di scena, con caduta da un paio dimetri della piattaforma elevatrice dove era posizionato il trono su cui lui stesso sedeva, si fratturò una vertebra. Le lesioni riportate furono causa di importanti limitazioni funzionali permanenti, inoltre il tenore si è dovuto sottoporre a cure e riabilitazioni, e dovette interrompere l'attività artistica.

Nella vicenda, da subito gli accertamenti tecnici della procura avevano ipotizzato inadempienze sulla normativa della sicurezza sul lavoro, anche riguardo ai pubblici spettacoli. 

La Fondazione Festival Pucciniano ritiene infondata sul piano giuridico la contestazione mossa al maestro Veronesi perché, si sostiene, non aveva la possibilità di controllare personalmente e a vista ogni parte e attrezzo di scena.



Tag

«Grazie al mio staff perché non è facile sopportarmi...», e Meloni scoppia a ridere

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca