Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°26° 
Domani 15°22° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 21 settembre 2019

Attualità giovedì 05 febbraio 2015 ore 10:55

Vitalizi ai consiglieri, ecco chi ha rinunciato

Servizio di Tommaso Tafi

Ferrucci, Ruggeri, Tortolini e Russo del Pd, Romanelli di Sel, Manneschi e Fedeli di Toscana civica riformista non percepiranno i 1600 euro al mese



FIRENZE — Nel 2014 il Consiglio regionale ha speso 4 milioni di euro per erogare i vitalizi maturati dai consiglieri regionali che si sono seduti sui banchi di Palazzo Panchiatichi almeno per 5 anni, una legislatura, e che a partire dai 60 anni hanno cominciato a percepire uno stipendio fisso di circa 1600 euro lordi al mese

In tempi di spending review però il Consiglio è corso ai ripari, approvando una norma all'interno della Finanziaria del dicembre 2014 che prevede che dalla prossima legislatura l'innalzamento a 65 anni dell'età necessaria per prendere il vitalizio e soprattutto la possibilità di rinunciarvi.

Qualcuno però ha deciso di anticipare questa norma, rinunciando fin da subito al vitalizio e recuperando i contributi versati in questi anni per destinarli a fondi pensione privati. I primi a muoversi in questa direzione sono stati il capogruppo del Pd, Ivan Ferrucci, i consiglieri democratici Rudi Russo, Marco Ruggeri e Matteo Tortolini, il consigliere Marco Manneschi e il vicepresidente del Consiglio Giuliano Fedeli (Toscana Civica Riformista) e il consigliere regionale del gruppo misto in quota Sel, Mauro Romanelli.



Tag

Recco, operatore del 118 aiuta donna a partorire in casa: la nascita del bambino in diretta telefonica

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità