Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 13°21° 
Domani 13°16° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 18 ottobre 2019

Attualità mercoledì 21 settembre 2016 ore 11:40

"Teste saltate ma non avevano colpe"

L'associazione Vittime del Salvabanche promette pressioni sulla Procura. "Perché ad Arezzo sono cambiati questore e prefetto?"



AREZZO — Le Vittime del Salva-Banche tornano a protestare a Laterina, nel paese natale della famiglia Boschi. L’appuntamento è fissato per domenica 25 settembre in Piazza della Repubblica a Laterina, a partire dalle 10.

"E’ trascorso quasi un anno da quel 22 novembre 2015, quando a causa di un decreto del Governo migliaia di risparmiatori che avevano sottoscritto obbligazioni bancarie sono stati azzerati, fatto senza precedenti nella storia della nostra Repubblica - dichiarano Letizia Giorgianni (presidente Associazione Vittime del Salva Banche) e Silvia Battistelli (portavoce) -  Risparmi privati che sono stati utilizzati per salvare quattro piccole banche tra le quali anche Banca Etruria, che annovera tra gli ex amministratori che l’hanno portata al fallimento anche il padre del Ministro alle Riforme

Appare quanto mai necessario tornare in quel luogo di protesta anche per una frase decisamente inopportuna pronunciata dalla Ministra Maria Elena Boschi a Pistoia di fronte alle contestazioni di un gruppo di risparmiatori, che a suo modo di vedere, erano lì perché non avevano niente di meglio da fare. Oltre il danno la beffa, come quella di non veder neppure giustizia nei confronti di coloro che hanno portato la banca sul baratro del fallimento, nulla si è mosso infatti sul versante delle indagini penali verso la responsabilità degli ex amministratori con nomi illustri - continuano Giorgianni e Battistelli -  Se ad Arezzo alcune teste sono saltate non sono certo quelle di tali amministratori, ma quelle di persone che qui ricoprivano incarichi, in Questura e Prefettura, rei forse solo di non aver magari impedito le manifestazioni che sono state fatte sul territorio. Come Associazione inizieremo a far pressione sulla procura di Arezzo che sembra assopita non avendo ancora, a differenza delle altre 3 procure, neppure predisposto il sequestro conservativo dei beni degli ex amministratori coinvolti nell'indagine per bancarotta fraudolenta.

I risparmiatori rappresentati dall’Associazione Vittime del Salvabanche non hanno ad oggi, a distanza di 9 mesi, nessuna garanzia di riottenere i loro soldi - concludono presidente e portavoce - Ricordiamo infatti che tra paletti ufficiali e cavilli tecnici il rimborso sarà accessibile solo a 4000 risparmiatori a differenza dei proclami che battono sui giornali, per non parlare del decreto che regola l’arbitrato, che addirittura non è ancora stato definito ed emanato. Vogliamo giustizia e non ci fermeremo fin quando non l’avremo ottenuta, questa è l’unica certezza che ci rimane".



Tag

Richard Gere a «Piazzapulita»: «Salvini vorrebbe che portassi i migranti a Hollywood? Se avessi un aereo privato, lo farei»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità