comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:11 METEO:FIRENZE15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 28 novembre 2020
corriere tv
Guerra civile a Parigi, manifestanti danno fuoco alla Banque de France

Sport domenica 11 ottobre 2020 ore 17:30

Bettiol protagonista alla Gand-Wevelgem

Alberto Bettiol

Il ciclista di Castelfiorentino si classifica al quarto posto ma conferma ancora una volta di essere l'uomo da battere nelle classiche del nord



. — Il Kemmelberg è una collina alta 156 stupidi metri situata nelle fiandre occidentali, non molto lontano dal confine francese. Nell’aprile del 1918, nel corso della prima guerra mondiale, i fianchi e la cima di questa collina furono il teatro di aspre battaglie che lasciarono sul terreno migliaia di morti.

Oggi il Kemmelberg è una quieta collina ricoperta da un bosco che mostra tutto il suo splendore a primavera, quando il giacinto selvatico tappezza il terreno e lo colora di viola. Ogni anno, quando i primi giacinti fanno capolino nel sottobosco, il popolo del ciclismo prende d’assalto la collina per godersi lo spettacolo della Gand-Wevelgem, per vedere i corridori salire dondolanti in precario equilibrio sui ciottoli di pavé di cui è lastricata la ripida strada che porta in cima. 

Quest’anno la Gand-Wevelgem si è disputata oggi, spostata dagli organizzatori ad ottobre a causa del coronavirus, che ha sconvolto il calendario ciclistico internazionale. Sulla collina i colori dell’autunno fiammingo hanno sostituito i milioni di giacinti selvatici viola.I corridori invece erano lì, a rispettare questo storico appuntamento che si ripete annualmente dal 1934, a salire dondolanti in precario equilibrio sui ciottoli di pavé, la stessa fatica, lo stesso fango, la stessa maledetta pendenza del 23%. Tra coloro che hanno pedalato sul Kemmelberg c’era anche il nostro Alberto Bettiol, con la sua maglia rosa della EF Pro Cycling. 

Alberto Bettiol è stato tra i protagonisti della gara, abile a gestire la fatica ed a cogliere al volo le opportunità che man mano si creavano lungo quelle strade strette, a tratti solo semi asfaltate.L’atleta toscano è sempre stato con i migliori fin da quando un altro italiano, MatteoTrentin, ha dato fuoco alle polveri e la corsa è esplosa. Con loro sono entrati in scena i migliori tra i partecipanti, i più avvezzi a dare spettacolo sulle strade del nord: Wout Van Aert e Mathieu Van Der Poel, i migliori atleti fiamminghi, i più tosti tra gli olandesi. Negli ultimi chilometri, dopo una serie di attacchi e contrattacchi, è lo svizzero Kunga procedere da solo verso il traguardo dopo l’ultimo passaggio sul Kemmelberg.

A meno di venti chilometri dall’arrivo l’elvetico è raggiunto e restano in quindici a contendersi la vittoria finale, Bettiol e Trentin compresi.Da quel momento si prosegue a scatti, con i corridori che si alternano nel ruolo di inseguiti ed inseguitori. A cinque chilometri dalla conclusione è Bettiol a provare lo scatto, con Lampaert e Degenkolb che lo seguono immediatamente e con Van Der Poel che rientra poi in progressione con gli altri superstiti. Rilancia Kung, con Van Aert a chiudere, seguito da Sénéchal e Bettiol. A riportare sotto gli altri stavolta tocca a Trentin ed ancora a Van Der Poel, ma a due chilometri riparte nuovamente Bettiol.Alla ruota del nostro Bettiol si agganciano subito Trentin e Sénéchal. Pedalano forte e sembrano in grado di poter arrivare da soli. Purtroppo quando il terzetto passa sotto lo striscione dell’ultimo chilometro rientra su di loro l’ex Campione del Mondo Mads Pedersen, temuta ruota veloce.Quando arriva il momento di impostare la volata Bettiol si trova in prima posizione, quella più svantaggiata. Il toscano si volta ripetutamente indietro, non vuole essere colto di sorpresa ed alla fine è costretto a lanciare la volata da quella inopportuna prima posizione. Trentin lo supera facilmente e rilancia lo sprint ma anche lui non ha scampo di fronte alla netta e potente rimonta di Pedersen. I due italiani a pochi metri dal traguardo vengono sopravanzati anche dal francese Senechal e finiscono interza e quarta posizione. 

Per Alberto Bettiol oggi è andata male ma ci sono i presupposti per disputare un buon Giro delle Fiandre domenica prossima.Alberto Bettiol partirà con il numero 1, è lui quello da battere, è lui quello che lo scorso anno ha dominato sui ciottoli fiamminghi.

GAND–WEVELGEM – ORDINE DI ARRIVO

  • 1 PEDERSEN Mads Trek Segafredo 05:19:20 
  • 2 SENECHAL Florian Deceuninck Quick Step 00:00:00
  • 3 TRENTIN Matteo CCC Team 00:00:00
  • 4 BETTIOL Alberto EF PRO CYCLING 00:00:01
  • 5 KÜNG Stefan GROUPAMA FDJ 00:00:03

Marco Burchi
© Riproduzione riservata

Gent Wevelgem 2020 Victory for MADS PEDERSEN - TOP MEILLEURS TM


Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS