Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 13° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 09 dicembre 2019

Cronaca venerdì 02 gennaio 2015 ore 18:10

La condanna ai bulli: studiare e a letto presto

Cinque ragazzini tra i 15 e i 17 anni, che avevano preso di mira un loro compagno, costretti ad avere buoni voti e a rientrare a casa entro le 20



BARGA (LU) — La decisione, secondo quanto riferito da alcuni giornali locali, è stata presa dal tribunale dei minori di Lucca contro i membri di una gang che aveva preso di mira un compagno di scuola, all'istituto alberghiero di Barga.

La vittima, un sedicenne albanese residente a Lucca, ogni giorno sul bus che lo portava a scuola veniva offeso dai cinque bulli e costretto a fare il viaggio in piedi mentre i compagni lo deridevano, spintonandolo e insultandolo. Gli altri ragazzi restavano invece silenzio e chi tentava di difenderlo veniva minacciato.

Ma venuta alla luce la vicenda, i genitori del sedicenne lo hanno convinto a raccontare quello che accadeva sul bus, per poi fare denuncia ai carabinieri.

Inizialmente il tribunale dei Minori, su richiesta della procura, aveva disposto la ''permanenza in casa'' dei cinque bulli ma poi ha definito le "nuove regole" che prevedono anche l'imposizione della buona condotta scolastica.



Tag

Segre e Mattarella alla Prima della Scala di Milano

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità