Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 11° 
Domani 5° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 24 gennaio 2020

Cronaca giovedì 30 luglio 2015 ore 14:54

Camorra, maxi-sequestro alla cosca Saetta

Servizio di Serena Margheri

La Guardia di Finanza ha messo i sigilli a immobili, auto e conti correnti riconducibili a Vincenzo e Marco Saetta e a Salvatore Cocige



FIRENZE — E' stata la direzione distrettuale antimafia di Firenze a disporre il sequestro nell'ambito del proseguimento dell'operazione Fulmine che, nei mesi scorsi, aveva portato alla scoperta di una serie di attività criminali organizzate in Toscana dal clan Saetta. 

"Dove c'è più ricchezza la criminalità cerca di investire e anche la crisi favorisce le infintrazione della camorra - ha spiegato il procuratore capo della Dia di Firenze Giuseppe Creazzo - L'operazione di oggi è particolarmente significativa perchè la criminalità teme la confisca dei beni accumulati grazie alle attività illecite. E' indispensabile fare sempre più ricorso alle misure di prevenzione, come i sequestri. La Toscana non deve essere il fanalino di coda".

Negli ultimi dieci anni Vincenzo Saetta, 44 anni, Marco Saetta, 37 anni, e Salvatore Cocige, 49 anni, hanno denunciato al Fisco redditi irrisori quando in realtà potevano contare su un vasto patrimonio finanziario e immobiliare. Ai fratelli Saetta è stata imposta un'ordinanza di sorveglianza speciale e obbligo di firma. Vincenzo è comunque da tempo ai domiciliari per scontare una condanna a 16 anni di carcere.

Fra i beni sequestrati ci sono 10 immobili a Napoli, 11 immobili di pregio a Lucca e in Versilia, 4 attività commerciali, 20 auto e 17 conti correnti.

GIUSEPPE CREAZZO SU INFILTRAZIONI CAMORRA VERSILIA - dichiarazione


Tag

Salvini nell'anteprima di «Porta a Porta», l'inserto senza contraddittorio a pochi giorni dalle elezioni regionali

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Spettacoli

Cronaca

Attualità