Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 12° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 17 novembre 2019

Economia martedì 23 maggio 2017 ore 15:50

Il Gruppo Legrand entra nella toscana Borri

BTicino, capofila del Gruppo Legrand in Italia, ha firmato un accordo per l’acquisizione di una quota del capitale dell'importante azienda casentinese



BIBBIENA — Storica acquisizione per il Gruppo Legrand che ha acquisito uno dei prezzi pregiati dell'industria casentinese e aretina, l'azienda Borri. Un passaggio importante per tutto il territorio che conferma il trend che già da alcuni anni si sta affermando con le grandi aziende nazionali e internazionali che comprano i pezzi pregiati dell'economia locale.

Il know how multidisciplinare di Borri nel campo dei gruppi di continuità e la sua vocazione alla progettazione su misura ci permetteranno di crescere anche su applicazioni complesse in mercati ad alta tecnologia come l’oil e gas e nel promettente mercato dei data center, settore nel quale stiamo operando con sempre più autorevolezza”, ha dichiarato Franco Villani, consigliere delegato di BTicino.

Il Gruppo Legrand, specialista globale delle infrastrutture elettriche e digitali dell’edificio (con un fatturato di 5 miliardi di euro nel 2016 e 36.000 dipendenti) ha fatto il suo ingresso nel mercato degli UPS nel 2010, realizzando sino ad ora 8 acquisizioni o joint venture, ed è presente oggi con la propria offerta in numerosi paesi.

Borri continuerà a vendere i propri prodotti attraverso i canali esistenti, conservando la propria marca, ma grazie alla joint-venture appena siglata potrà avvalersi della penetrazione internazionale del Gruppo Legrand per gestire progetti ancora più importanti.

Questa collaborazione permetterà anche a Legrand e Borri di condividere gli investimenti in R&D per la realizzazione di nuovi prodotti, che Bticino venderà in Italia per applicazioni in Data Center di qualsiasi dimensione.

Borri, con un fatturato consolidato di quasi 65 milioni di euro nel 2016, è un fornitore globale di soluzioni per la protezione di potenza per l’industria pesante, applicazioni ICT e commerciali con oltre ottanta anni di esperienza nello sviluppo, nella produzione e nella fornitura di gruppi di continuità di potenza.



Tag

Acqua alta a Venezia, sui social si sdrammatizza così

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca