Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°30° 
Domani 19°31° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 19 agosto 2019

Attualità sabato 07 maggio 2016 ore 09:56

Taglio del nastro per la ciclopista dell'Arno

Domani sarà inaugurato il primo tratto già realizzato dalla ciclopista che seguendo il percorso del fiume attraverserà tutta la Toscana



BIBBIENA — Partirà da Stia, alle pendici del Monte Falterona, e arriverà a Marina di Pisa, dove il fiume sfocia nel Tirreno. L'opera voluta dalla Regione Toscana è già in fase di realizzazione e il primo tratto realizzato è proprio quello casentinese.

Domenica 8 maggio ci sarà l'inaugurazione ufficiale per il primo segmento già realizzato, alla presenza delle autorità locali e dell'assessore regionale alla mobilità Vincenzo Ceccarelli.

Una passeggiata, anzi due, lungo la pista ciclopedonale dell’Arno e quella comunale di Ortignano Raggiolo. Questo in sintesi il programma della giornata inaugurale del primo segmento che va da Le Macee a Rassina.

Alle 15:30 partiranno due gruppi da Raggiolo e da Rassina che si incontreranno intorno alle 17 proprio in località Le Macee per il taglio del nastro.

Finora sono stati realizzati i primi 8 km di pista più i collegamenti con le stazioni ferroviarie di Rassina e Bibbiena, ma la tratta casentinese nel suo complesso sarà lunga 57 km. Il progetto è stato concertato con tutte le Amministrazioni Comunali interessate e con il contributo tecnico della FIAB di Arezzo. Questo primo stralcio è stato costruito grazie ad un contributo della Regione Toscana con i fondi Europei dello Sviluppo regionale - Por Creo - Infrastrutture per il Turismo e commercio in Toscana - e grazie alle risorse messe a disposizione da tutti i Comuni dell’Unione e dai Comuni di Bibbiena e Pratovecchio Stia. 

L’opera è stata realizzata nei tempi previsti e cioè entro il la fine del 2015. Adesso deve essere fatto il completamento della progettazione preliminare del restante percorso casentinese da Stia a Ponte Buriano entro la fine di giugno, e per la fine dell’anno la progettazione esecutiva. Dal 2017 potranno partire i lavori del secondo stralcio, che si avvale di fondi messi già a disposizione dalla Regione Toscana.



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca