Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 12° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 15 novembre 2019

Attualità mercoledì 18 giugno 2014 ore 13:04

Aziende-dormitorio, multe per 60.000 euro

Passato al setaccio un capannone affitato a 9 imprese cinesi. Per 5 è scattata la sospensione dell'attività. Più di metà degli operai fuori regola



OSMANNORO (SESTO FIORENTINO) — I controlli sono stati eseguiti dalla Guardia di Finanza in collaborazione con i Carabinieri, la Asl di Firenze, la Direzione territoriale del Lavoro, l'Inail, l'Inps, la polizia municipale di Sesto.

All'interno del capannone sono stati trovati al lavoro 35 operai cinesi di cui 14 impiegati a nero, 3 irregolari e uno clandestino. Il datore di lavoro di quest'ultimo è stato denunciato e per cinque aziende cinesi è scattata la sospensione dell'attività perchè il personale risultato non in regola superava il 20% del totale dei dipendenti presenti al momento della verifica. 

Sono scattate anche sanzioni amministrative per un totale di 60.500 euro.

Finanzieri e Asl hanno rilevato che  gli operai lavoravano in condizioni di igiene e sicurezza molto precarie. All'interno del capannone sono stati ritrovati anche soppalchi utilizzati come dormitori e uno spazio adibito a cucina e mensa che è stato sequestrato dai Nas. Il sindaco di Sesto potrebbe disporre la chiusura dell'immobile.

I controlli effettuati negli ultimi giorni delle fiamme gialle hanno portato al sequestro di 300 foulard con marchio contraffatto  'Burberry' e 'Louis Vuitton' venduti a Firenze da 4 banchi ambulanti della zona del mercato centrale di San Lorenzo e di piazza Repubblica. Denunciate due immigrate brasiliane che gestiscono i banchi. I foulard erano corredati da false etichette 'Firenze Italy' e '100% seta' pur essendo fabbricati in Cina con tessuto viscosa.



Tag

Venezia sott'acqua, la peggiore marea degli ultimi 50 anni: le immagini dall'elicottero

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca